Riecco la catena sull’algoritmo Facebook da aggirare: la bufala del 18 aprile

Focalizziamoci ad aprile sulla nuova catena virale che sta ingannando tanti utenti in Italia sul versante algoritmo

410
CONDIVISIONI
Algoritmo Facebook

Sta circolando nuovamente una bufala riguardante la possibilità per gli utenti di aggirare il nuovo algoritmo Facebook 2020. Il concetto è lo stesso di sempre e richiama quanto vi abbiamo riportato sulle nostre pagine nel 2018. In quel caso, infatti, ci venivano date precise istruzioni affinché non fossimo costretti ad avere relazioni più strette all’interno del social network con 25 persone fortemente selezionate. Sia in riferimento ai contenuti visualizzati all’interno della nostra home page Facebook, sia in relazione a coloro che sono destinati a visionare i nostri.

Riconosciamo la bufala su come aggirare il solito algoritmo Facebook

Il messaggio virale che sta girando ad aprile 2020, però, è differente rispetto a quello di due anni fa. Soliti contenuti, ma il fatto stesso che sia diventato popolare tra gli utenti la dice lunga sul fatto che, in questo particolare momento storico, in tanti siano realmente convinti di poter aggirare il tanto complesso algoritmo Facebook attraverso un semplice messaggio da copiare e incollare. Inutile dire che le cose non stiano così e che l’operazione non serva a nulla. Fermo restando che la storia dei 25 contatti resti una pura invenzione.

Diffidate, dunque, di messaggi come quelli che sono stati riportati in mattinata da AndroidUp, in quanto un’eventuale decisione di questo tipo da parte della piattaforma numero al mondo tra i social network, non potrebbe certo essere aggirata in modo così banale. Allo stesso tempo, il mio consiglio è quello di far presente la natura fake di questa catena a tutti coloro che incollano il messaggio. Quello, appunto, in con cui si invitano gli altri ad aggirare l’algoritmo Facebook.

La speranza è che, con il trascorrere del tempo, catene del genere possano essere in qualche modo frenate, mettendo così da parte la leggenda metropolitana sulla possibilità di aggirare l’algoritmo Facebook 2020.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.