C’è anche una bambina di 4 anni con il Coronavirus: tra conferme e precisazioni

Utili chiarimenti questa mattina, dopo che è stata confermata l'infezione per una bambina in Lombardia

14
CONDIVISIONI
Coronavirus

Ci sono conferme a proposito di una notizia che ha preso piede in mattinata, oggi 26 febbraio, a proposito di una bambina di 4 anni con Coronavirus. Dopo aver analizzato alcune voci riguardanti le analogie tra questa emergenza sanitaria con quelle del passato, come avrete notato con il nostro articolo di ieri, stamane bisogna concentrarsi su una vicenda che torna utile per chiarire alcuni importanti concetti. Soprattutto ai genitori, indipendentemente dal fatto che si possa affrontare con ansia o meno un momento storico del genere.

Andiamo però con ordine, perché come sottolinea il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ormai non ci sono più dubbi che il Coronavirus abbia fatto registrare un caso anche con la bambina di 4 anni di Castiglione d’Adda. Partiamo col dire che si tratta di un Comune collocato nel centro della zona rossa. Allo stesso tempo, secondo quanto riportato da Repubblica, l’assessore al Welfare Giulio Gallera ha anche aggiunto che in totale siano quattro in tutto i minorenni che ad oggi risultino positivi al coronavirus nella regione. Di questi, solo due si trovano in ospedale, più in particolare al San Matteo di Pavia e all’ospedale di Seriate in provincia di Bergamo.

Precisazioni sulla bambina di 4 anni con Coronavirus

Tutti godono di buona salute e non destano particolari preoccupazioni, con un quadro clinico che per forza di cose dovrà essere monitorato con grande attenzione nel corso dei prossimi giorni. Al netto dei logici discorsi sulla quarantena per la bambina di 4 anni con Coronavirus, è importante ricordare a tutti che da un lato i più piccoli siano in grado di contrastare al meglio l’infezione. Le reazioni immunitarie sono più che incoraggianti e ci devono rendere più tranquilli.

Al contempo, quanto emerso oggi 26 febbraio con la bambina di 4 anni che dovrà fare i conti con il Coronavirus ci ricorda che anche loro siano esposti. Di recente, infatti, si è diffusa la convinzione che i bambini siano immuni. Una fake news che va oltre la loro capacità di respingere al meglio il virus una volta infetti.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.