Per quali Android la modalità scura su Instagram, chi può attivarla e come

Il social delle immagini si fa scuro anche per utenti Android? Doverosi chiarimenti

3
CONDIVISIONI

La modalità scura su Instagram è arrivata su Android come su iPhone? Nella giornata di ieri, sulle pagine di OM, è stata riportata la conferma del via alla funzione dark mode per melafonini aggiornati a iOS 13. Ora molti utenti Android si chiedono appunto se la stessa funzione possa riguardarli da vicino ma ecco spiegate le condizioni grazie alle quali si potrà beneficiare dello sfondo scuro dell’applicazione social per immagini.

Per avere a bordo del proprio smartphone Android la modalità scura su Instagram, bisognerà ragionare esattamente come nel caso degli iPhone. In effetti la dark mode, una volta scaricata l’ultima versione dell’app social, si attiva in automatico quando il sistema operativo iOS 13 in uso ha già la stessa modalità appunto presente per lo sfondo del telefono, il men+ù e quant’altro. Allo stesso modo chi ha uno smartphone Android dovrebbe in effetti avere Android 10 e di concerto le varie interfacce utente dei diversi produttori Huawei, Xiaomi, Samsung già a bordo del telefono per vedere appunto questa feature direttamente a disposizione, senza nessuna altra azione.

Cosa devono fare dunque gli utenti Android che desiderano ottenere la modalità scura su Instagram? Intanto l’applicazione andrà aggiornata alla sua ultima versione sul Play Store, tra l’altro datata 8 ottobre. Allo stesso tempo, la dark mode potrà essere disponibile in forma automatica una volta che i dispositivi potranno pure toccare con mano Android 10.

Va ricordato che la modalità scura, che sarebbe pure opportuno chiamare notte, è in grado di assicurare benessere visivo, visto che gli occhi non si affaticheranno per la luce intensa del display e potrà anche assicurare risparmio energetico nel caso in cui i device siano dotati di schermi OLED per l’utilizzo di pixel spenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.