Scandalo falsi invalidi a Potenza, anche la madre di Arisa indagata

Anche la madre di Arisa indagata per lo scandalo falsi invalidi a Potenza, fingeva disabilità per percepire 805 euro

1
CONDIVISIONI

Anche la madre di Arisa indagata per lo scandalo falsi invalidi a Potenza. Stando a quanto rivelato da Mattino 5 nella puntata del 24 ottobre, Assunta Sartasiero sarebbe indagata per truffa in concorso nei confronti dell’Inps, dopo aver percepito 24000 euro di rendite ottenute in assenza di requisiti.

La madre di Arisa è indagata a piede libero per truffa. Nel video diffuso dalla Questura, si nota distintamente una signora che si dedica alla cura del giardino, senza mostrare i segni della disabilità per la quale incassava il sussidio dall’Istituto Previdenziale.

Secondo quanto riporta l’ordinanza prodotta dal gip Lucio Setola, Assunta Sartasiero avrebbe ottenuto la rendita fingendo di essere affetta da gravi patologie, tali da impedirle di “attendere autonomamente agli atti quotidiani della vita senza assistenza continuativa”.

Complici della truffa sarebbero anche diversi professionisti, tra cui un avvocato e un intermediario, che avrebbero permesso alla donna di percepire un accompagnamento per invalidità civile di 805 euro al mese.

Nel 2017, la signora si sarebbe presentata di fronte alla commissione medica accompagnata dal marito in carrozzina, incontro nel quale si era dimostrata l’incapacità di provvedere autonomamente ai suoi elementari bisogni e di svolgere gli atti quotidiani della vita senza assistenza.

A seguito dei pedinamenti della Squadra Mobile, è quindi emerso che “la donna è in grado di uscire da casa da sola e di muoversi autonomamente, portandosi persino nel terreno adiacente alla sua abitazione per dedicarsi ai lavori dei campi senza aver bisogno di essere accudita da alcuno e senza documentare difficoltà deambulazione”.

Nel corso dell’ultima diretta di Mattino 5, la signora è stata contattata per dei chiarimenti e non ha negato l’utilizzo della sedia a rotelle, che utilizzerebbe a fasi alterne. Assunta Sartasiero ha inoltre dichiarato di essere in cura per un tumore, ma è stato accertato che l’assegnazione dell’accompagnamento è slegata dalla condizione derivante dalle cure alle quali si sta sottoponendo per sconfiggere il cancro. Al momento, sono indagate circa 40 persone – di cui 5 agli arresti domiciliari – per truffa ai danni dello stato per 530mila euro.

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3770203990 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.