Huawei senza i Google Play Services: la soluzione pensata dai cinesi

Mancano i Google Play Services sugli smartphone Huawei? Ecco come risponderà l'OEM

106
CONDIVISIONI

Sappiamo che i Huawei Mate 30 sono stati ufficializzati al netto dei Google Play Services, per la mancata licenza maturata nel corso dei mesi passati (in questo articolo vi abbiamo spiegato se conviene o meno acquistarli a certe condizioni). Come verranno sostituiti? Ci penseranno i Huawei Mobile Services. Pur restando in attesa di comprendere come evolverà la situazione per quanto riguarda il ban USA, il produttore cinese, per non restare indietro, ha deciso di puntare su soluzioni proprietarie, proponendo i propri servizi sugli ultimi smartphone presentati, tra cui l’App Gallery, che occuperà il posto del Play Store. Spetterà agli sviluppatori delle applicazioni terze fare il resto, promuovendo il supporto ai servizi di Huawei (i Google Play Services svolgono un lavoro oscuro, avendo diverse funzionalità occulte).

Il piano del produttore cinese utile allo scopo prende il nome di ‘HMS Ecosystem Incentive Program‘, avente un fonto di un miliardo di dollari (pensate che il compenso per gli sviluppatori che pubblicano le loro creazioni su AppGallery sono dell’85%, contro il 70% offerto dalla concorrenza). I Huawei Mate 30, così come gli altri dispositivi in futuro commercializzati dall’OEM (a meno di una soluzione diretta con Google), non potranno disporre direttamente dei Google Play Services da AppGallery, che potranno comunque essere ottenuti per via del sideload (motivo per il quale l’azienda ha optato per il ripristino della possibilità di sblocco del bootloader, così da coinvolgere il più possibile gli sviluppatori indipendenti nella creazione di custom ROM).

Richard Yu, CEO della società di Shenzen, ha spiegato che non avrebbero mai voluto arrivare a tanto, e che sono stati costretti dalle circostanze. Qualora il ban USA dovesse essere rimosso, Huawei avrebbe già pronto un aggiornamento OTA da divulgare a bordo dei Mate 30 per ripristinare i Google Play Services, così da tornare alla più assoluta normalità (ce lo auguriamo tutti, ma non sarà così facile).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.