Certificato lo Xiaomi Mi 9 Lite da NBTC: non ci sono più dubbi

Potrebbe essere presentato già a settembre lo Xiaomi Mi 9 Lite, certificato dall'ente thailandese NBTC

Arrivano nuove notizie sul conto dello Xiaomi Mi 9 Lite, di cui vi avevamo parlato già ad inizio settembre con un certo fervore. Come riportato da ‘gizmochina.com‘, il dispositivo, che si identifica come una variante dello Xiaomi Mi CC9, ha ricevuto la certificazione dell’ente thailandese NBTC. Il numero che contrassegna il modello, M1904F3BG, si avvicina molto al codice M1904F3BT, che contraddistingue lo Xiaomi Mi CC9 sul mercato cinese.

Nel corso di questo mese dovrebbe trovare spazio lo Xiaomi Mi 9 Lite, tra le cui specifiche presenterà uno schermo da 6.39 pollici con risoluzione FullHD+ con al di sotto un lettore di impronte digitali, il processore Qualcomm Snapdragon 710, 6GB di RAM, 64/128GB di memoria interna (espandibile tramite microSD), una tripla fotocamera principale con sensori da 48 + 8 + 2 MP ed una frontale da 32 MP.

Lo Xiaomi Mi 9 Lite dovrebbe integrare anche una batteria da 4030 mAh, con supporto alla ricarica rapida a 18 W, la connettività NFC (per l’autenticazione dei pagamenti mobili) ed il sistema operativo Android 9 Pie con MIUI proprietaria (che vanta sempre un certo fascino). Un buon dispositivo sulla carta, che va ad aggiungersi alla lunga lista degli altri smartphone del produttore, che continua a sfornare nuovi modelli alla velocità della luce, ottenendo sempre un certo successo (ormai il brand è riconosciuto anche in Europa, dove prima magari trovava un po’ di difficoltà ad affermarsi a certi livelli).

Detto questo, speriamo di aver soddisfatto, almeno in minima parte, la vostra curiosità in merito allo Xiaomi Mi 9 Lite, un terminale che, data la certificazione rilasciata da NBTC, di sicuro vedrà la luce molto presto (molti non credevano nemmeno che sarebbe stato ufficializzato). Forse alcuni di voi non vedranno l’utilità di questo prodotto, che noi vi consigliamo comunque di tenere nella giusta considerazione (soprattutto se l’OEM decidesse di proporlo ad un prezzo competitivo).

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.