Gli ambientalisti contro il Jova Beach Party a Roccella Ionica, arriva l’esposto per la tappa del 10 agosto

Arriva l'esposto degli ambientalisti contro la tappa del Jova Beach Party a Roccella Ionica del 10 agosto

8
CONDIVISIONI

Dopo le incertezze, gli annullamenti e le polemiche dei giorni scorsi, anche gli ambientalisti contro il Jova Beach Party a Roccella Ionica, con una richiesta di spostamento che riguarda la tappa già in programma per il 10 agosto prossimo.

L’esposto, presentato al Comune di Roccella da Legambiente Calabria, Lipu, Altura, StorCal e Caretta Calabria Conservation, contiene la possibilità di spostare a nuova location o dopo il 31 agosto la tappa del Jova Beach Party che dovrebbe tenersi il 10 agosto.

Come si riporta nel documento, il periodo di approdo del concerto di Jovanotti coinciderebbe con quello della schiusa delle uova della tartaruga Caretta Caretta, che potrebbe quindi patire degli effetti negativi dell’incidenza ambientale comportati dall’evento.

“Si richiede che venga accertato se vi sia la possibilità di procedere alla urgente redazione di uno Studio di Incidenza Ambientale e alla successiva sua valutazione. Se vi siano gli estremi affinché lo svolgimento del “Jova Beach Party” del 10 agosto possa essere spostato in altro luogo, oppure possa essere rinviato a data successiva al 31 agosto p.v., in considerazione dell’elevato interesse conservazionistico delle specie e degli habitat menzionati e della protezione che le leggi vigenti assicurano loro”.

I portavoce delle Associazioni coinvolte hanno anche assicurato di essere pronti a vigilare e impedire qualsiasi comportamento illegittimo nel caso in cui la tappa del Jova Beach Party dovesse svolgersi regolarmente, con l’individuazione degli eventuali responsabili di danni nel caso in cui venissero arrecati danni alle specie protette.

Mentre si richiede lo spostamento della data di Roccella Ionica, è ancora in forse quella di Vasto per la quale deve essere presentato un nuovo piano di sicurezza mentre è definitivamente annullata quella di Albenga a causa dell’erosione della spiaggia successivamente scoperta abusiva.

Per i medesimi motivi venne messe in forse anche la data di Rimini, poi svoltasi regolarmente, ma venne annullata quella di Ladispoli e spostata quella di Fermo per favorire il periodo di nidificazione del fratino.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.