Fuori dal blocco servizi a sovrapprezzo di TIM gli acquisti su store digitali

Dal 24 luglio sarà possibile comprare sugli store digitali con TIM, pur avendo attivato il blocco dei servizi a sovrapprezzo

14
CONDIVISIONI

A partire dal 24 luglio 2019, TIM consentirà di scalare dal credito residuo il necessario per comprare app e contenuti digitali su Google Play Store, Samsung Galaxy Store ed Apple Store, anche a tutti quegli utenti che hanno attivato il blocco dei servizi a pagamento. Il carrier billing, come riportato da ‘mondomobileweb.it‘, fino a questo momento non poteva essere utilizzato dai clienti che avevano attivato il blocco dei servizi di cui sopra, cosa che dal 24 luglio in poi cambierà.

La black list di cui si compone il blocco non includerà più il carrier billing, consentendo così ai clienti mobili di TIM di comprare, attraverso il proprio credito residuo, i contenuti a pagamento desiderati all’interno dei principali store digitali. State comunque tranquilli in quanto, per poter essere effettivo, il pagamento richiederà comunque dei passaggi da eseguire: per utilizzare il proprio credito residuo per l’acquisto dei contenuti di cui sopra, sarà necessario prima accedere con il proprio account Google, Samsung ed Apple, individuare il contenuto da voler comprare, ed infine scegliere come metodo di pagamento l’addebito sul credito residuo della propria SIM TIM, facendo click su ‘Usa fatturazione SIM‘ (in caso di account Google), ‘Pagamento Mobile TIM‘ (in caso di account Samsung) e ‘Addebito telefonico‘ (in caso di account Apple).

Fatto questo, sarà possibile procedere al download dell’applicazione o del contenuto digitale desiderato, il cui costo verrà contestualmente scalato dal credito residuo. Il procedimento è da ritenersi valido per gli acquisti in-app, con la differenza che l’acquisto del suddetto contenuto sarà da effettuarsi all’interno dell’applicazione stessa. A prescindere dallo store digitale, il prezzo complessivo non dovrà superare i 12.50 euro + IVA. TIM sta informando alcuni suoi clienti dell’imminente novità attraverso una campagna SMS dedicata, ed anche sul proprio sito ufficiale.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.