Non cambiano i piani di Huawei: primo OEM al mondo, ma non subito?

Huawei non cambia i propri piani nonostante il ban USA: primo OEM di smartphone al mondo, ma non nel 2019

11
CONDIVISIONI

Nel Q1 2019 Huawei era riuscita ad attestarsi secondo OEM di smartphone al mondo, puntando a detronizzare il primato di Samsung entro la fine dell’anno. Dopo quanto successo per tutta la questione legata al ban USA, il produttore cinese ha deciso di rimandare i suoi piani al 2020, probabilmente per evitare di fare il passo più lungo della gamba. Come riportato da ‘Huawei Central‘, durante un evento tecnologico tenutosi a Shangai, un alto dirigente avrebbe affermato che la compagnia necessita di più tempo per diventare il primo OEM di smartphone a livello globale, un obiettivo inizialmente prefissato per la fine del 2019.

Shao Yang, Chief Strategy Officer di Huawei Consumer Business Group, ha così dichiarato:

“We would have become the largest in the fourth quarter (of this year) but now we feel that this process may take longer”.

L’alto dirigente non ha, però, motivato queste affermazioni. Huawei, allo stato attuale, vende dai 500 ai 600 mila device al giorno. Gli analisti prevedono che il produttore di Shenzen si appresti a fronteggiare il calo delle vendite di smartphone che andrà con ogni probabilità a registrarsi nel prossimo trimestre per via del ban USA. Le stime precedenti avevano rivelato che la società vendesse 258 milioni di smartphone nel 2019, contro i 200 milioni che ci si aspetta Huawei riesca a spedire alla luce degli ultimi accadimenti.

Cambiano i tempi di realizzazione, ma non gli obiettivi prefissati: il colosso cinese, esprimendosi con dichiarazioni ufficiali ad opera di un suo portavoce, lo ha fatto sapere chiaramente, senza giri di parole. Bisognerà capire come evolverà la situazione del ban USA, con relativa progressione del sistema operativo proprietario, dalla cui buona riuscita dipenderà buona parte del futuro di Huawei in rapporto alla produzione ed alla vendita dei suoi smartphone. Un discorso per il momento solo rimandato, e che gli affezionati speravano di sentir pronunciare. Secondo voi il produttore cinese manterrà le promesse? Fatecelo sapere.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.