Giorgio Tirabassi ne Il Nido, i primi dettagli sulla nuova fiction Rai

Giorgio Tirabassi è pronto a vestire i panni di un avvocato nei guai con la giustizia ne Il Nido

2
CONDIVISIONI

Si continua a lavorare a ritmo serrato per mettere insieme la prossima stagione della fiction italiana e anche Giorgio Tirabassi ne sarà protagonista sul versante Rai. I preparati fervono e anche la rete “giovane” della tv pubblica sta cercando delle novità per la prossima stagione e una di queste sarà proprio Il Nido che vedrà l’amato protagonista di Distretto di Polizia (e non solo) nei panni della star.

Al momento non ci sono molte novità sulla fiction che, molto probabilmente, andrà in onda tra l’autunno e l’inverno 2019-2020 e le cui riprese inizieranno proprio in queste settimane in quel di Roma. Secondo quanto riporta superguidatv.it sembra che le riprese della fiction inizieranno a luglio e sul set Giorgio Tirabassi ne Il Nido vestirà i panni di Michele Venturi, un avvocato civilista che finisce nei guai.

La commedia metropolitana prenderà il via proprio quando il protagonista sarà imputato per corruzione e dovrà scontare la pena agli arresti domiciliari presso l’abitazione dell’ex moglie Eleonora, location che lui stesso sceglie. In realtà la donna vive alle porte di Roma in quello che sembra essere un micro villaggio in cui si agisce in comune e si vive con impatto zero sull’ambiente. Inutile dire che l’avvocato non ama il modo di vivere della moglie e nemmeno il cohousing “Il Nido’ che lei ha messo in piedi, ma tutto cambia quando rischia di essere sgomberato. A quel punto toccherà a lui lavorare sodo insieme agli altri per salvarlo per non tornare in carcere.

La prima stagione de Il Nido dovrebbe essere composta da 6 episodi e dovrebbe andare in onda in inverno nella prima serata di Rai2. E’ vero anche che Carlo Freccero presto potrebbe lasciare il suo posto di direttore, come lui stesso ha spiegato all’inizio di questo cammino, e a quel punto tutto potrebbe nuovamente cambiare.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.