Rimandato LG V50 ThinQ 5G: tecnologia non ancora pronta?

Slitta il debutto commerciale di LG V50 ThinQ 5G: l'azienda decide di rimandarne le vendite in Corea

Dovranno aspettare gli utenti che pensavano di acquistare a stretto giro il top di gamma LG V50 ThinQ 5G, atteso per il mercato coreano il 19 aprile ad un prezzo di poco inferiore ai 1000 euro (rispetto al cambio valuta attuale). È stato proprio il produttore a darne l’annuncio, palesando la necessità di un altro po’ di tempo per perfezionare la nuova tecnologia di rete. L’azienda ha di recente dichiarato di aver lavorato a stretto contatto con Qualcomm (in riferimento all’integrazione del processore Snapdragon 855), in sinergia con alcuni gestori telefonici, per ottimizzare la compatibilità con il 5G.

L’obiettivo è quello di fornire un prodotto che funzioni alla perfezione, per un’esperienza di rete ideale. Il rilascio del dispositivo non è in discussione per il futuro, ci tenevamo a precisarvelo. Ricordiamo ai più distratti che trattasi di un terminale con CPU octa-core da 2.84Ghz, 6GB di RAM, 128GB di storage interno, condito dall’avanguardia dei nuovi standard di rete 5G. LG V50 ThinQ 5G è stato presentato ufficialmente lo scorso 24 febbraio a margine del MWC 2019 di Barcellona, e fino a questo momento non ancora messo in commercio. Ci auguriamo di poterlo vedere colpire gli scaffali di tutto il mondo nel più breve tempo possibile, anche se non è possibile darvi indicazioni temporali più precise sul debutto effettivo.

Basti sapere che il lancio in Corea, per adesso, è da considerarsi rimandato a data da destinarsi (alla base potrebbero esserci stati dei problemi non meglio specificati, oppure anche solo un’esigenza di ottimizzazione che ha costretto il reparto tecnico a prendersi dell’altro tempo per correggere un po’ la situazione). Non appena possibile vi forniremo tutti i dettagli relativi alla messa in vendita del prodotto, che potrebbe fornire nuova forza vitale al produttore coreano, nell’ambito del segmento smartphone.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.