George Clooney e Catch 22 a maggio su Sky Atlantic: la follia della guerra in 4K

George Clooney e Catch 22 sono pronti a debuttare su Sky Atlantic a maggio in anteprima assoluta

Finalmente c’è una data ufficiale per l’arrivo di Catch 22 e di George Clooney su Sky Atlantic. Dopo aver sbirciato alcuni dettagli durante le riprese avvenute in Sardegna nei mesi scorsi, a maggio il pubblico avrà modo di vedere la serie originale Sky in anteprima assoluta da martedì 21 maggio alle 21.15 in HD e in 4K con Sky Q.

Nel cast della serie realizzata da Sky Italia con Paramount Television, Anonymous Content e Smokehouse Pictures, il pubblico non troverà solo George Clooney ma anche Cristopher Abbott, Hugh Laurie, Kyle Chandler e Giancarlo Giannini. La produzione ha puntato tutto sulla satira dell’opera originale da cui la serie è tratta e sulla follia della guerra, visti con gli occhi dello squadrone di giovani aviatori dell’esercito americano di stanza in Italia. Siamo nel pieno del secondo conflitto mondiale tra abusi di potere e violenza ed è in quel momento che il capitano John Yossarian cercherà di prendere in mano la situazione.

Catch 22 è destinata a far discutere non solo per quelli che saranno i temi stessi della serie ma anche per il paradosso che si presenta alla base di tutto mettendo a rischio la vita delle persone per questioni di principio, anche quando queste questioni si presentano sotto forma di cavilli da cui è difficile fuggire.

George Clooney sarà anche regista e produttore della serie che terrà impegnato il pubblico di Sky Atlantic al martedì mentre negli Stati Uniti d’America andrà in onda sul servizio di video on demand Hulu dal 17 maggio 2019, nel Regno Unito sarà trasmessa su Channel 4 e in Francia debutterà su Canal+. Il pubblico italiano saprà apprezzare la serie di George Clooney girata in Italia oppure no? Lo scopriremo solo al momento della messa in onda, intanto, ecco il trailer rilasciato lo scorso febbraio:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.