Perdita dati Google+: backup entro il 31 marzo 2019, siete avvisati

Se non l'avete già fatto, procedete al backup dei vostri dati Google+ prima del 31 marzo 2019

4
CONDIVISIONI

Niente da fare per Google+, che dirà addio il prossimo 2 aprile 2019 senza possibilità di appello, insieme ai servizi Inbox by Gmail, Google Allo e l’URL abbreviato goo.gl. Gli utenti iscritti al social network potrebbero star ricevendo, aver ricevuto o star ricevere un’email con funzione di promemoria che invita loro, se non l’hanno già fatto, ad effettuare un backup dei propri dati, che altrimenti andrebbero perduti a seguito della chiusura della piattaforma. La versione consumer di Google+ verrà disattivata proprio il 2 aprile, giornata in cui il team di sviluppo inizierà ad eliminare i contenuti inclusi negli account consumer, comprese le foto ed i video presenti nel proprio archivio album e nelle pagine Google+.

Per il download di tutti i contenuti potrebbe volerci del tempo, ed è quindi consigliabile, se interessati, a procedere al più previsto, prima del 31 marzo 2019. Nell’email si fa anche presente che nessun altro prodotto di Big G (Gmail, Google Drive, Google Foto e YouTube) sarà disattivato, come pure l’account utilizzato per l’accesso a questi servizi resterà regolarmente attivo. I contenuti di cui è stato già effettuato il backup su Google Foto non saranno oggetto di eliminazione.

Se avete qualche dubbio da voler chiarire (può capitare, specie trattandosi di una chiusura definitiva di un servizio che ha comunque alle spalle diversi anni di attività), atterrate sulla pagina delle domande frequenti circa la disattivazione di Google+. L’email, che io stessa ho ricevuto, si conclude con un sentito ringraziamento a tutti quelli che, nel tempo, hanno fatto parte di Google+, rendendolo un luogo speciale (a quanto pare non abbastanza, purtroppo per coloro che ancora oggi continuavano ad utilizzare la piattaforma). A voi personalmente dispiacerà per la chiusura del social network di Big G, oppure non sapete neanche di cosa stiamo parlando?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.