Fine di bufale e truffe su WhatsApp: ufficiale restrizione di inoltro messaggi

Lotta serrata di WhatsApp alle catene di Sant'Antonio: per tutti lo stop definitivo all'inoltro a più di 5 contatti

5
CONDIVISIONI

Freme WhatsApp nel regalare novità di un certo peso: dopo la svolta in chiave business, come vi abbiamo parlato in questo articolo, con la modalità del ‘Cerca aziende‘, ecco arrivare in versione finale l’upgrade di cui si era discusso in tempi non sospetti, e che avevamo preventivato sarebbe stato rilasciato intorno a questo periodo.

Il riferimento è alla limitazione di inoltro a più di 5 contatti dello stesso messaggio, in modo da evitare la piattaforma possa essere utilizzare a scopi promozionali non autorizzati, o peggio ancora per produrre quelle odiose catene di Sant’Antonio, spesso e volentieri fautrici di truffe e bufale di ogni genere. Pensate che, stando ad una recente ricerca condotta da Cefriel, vengono inoltrati 38 milioni di messaggi al minuto in tutto il mondo su WhatsApp, numero che quasi si avvicinano a quelli generati dalla posta elettronica (per la verità, in questo caso, parliamo di 187 milioni, ma le proporzioni reggono considerata la diversità dei canali).

Allo scopo di mettere un freno alla diffusione di false comunicazioni, che, come vi dicevamo sopra, possono spesso sfociare in vere e proprie attività fraudolente, la società avrebbe deciso di rendere effettiva la modifica che prevede l’invio dello stesso messaggio a non più di 5 destinatari (per il malcontento di quelli ormai abituati ad inviare le immagini del buongiorno e della buonanotte ad amici e conoscenti, semplicemente reinoltrando alla rubrica il medesimo contenuto).

Bisogna tener presente che WhatsApp nasce come piattaforma di messaggistica istantanea ristretta al cerchio privato, e non come mezzo di diffusione di notizie, vere o false che siano. Le catene di Sant’Antonio avranno vita più difficile da questo momento: l’aggiornamento è disponibile in versione finale sul Play Store, potrete correre ad installarlo anche adesso, se vi va, anche semplicemente cliccando su questa pagina.

Lascia un commento: