Niente è come sembra in Gomorra 4: il nuovo promo annuncia la nuova regina di Secondigliano

Patrizia regina di Secondigliano o traditrice di Genny in Gomorra 4?

7
CONDIVISIONI

Niente è come sembra, questo è il grande annuncio alla base del nuovo promo di Gomorra 4 che poco fa è stato rilasciato da Sky ad oltre un mese di distanza dalla messa in onda dei nuovi episodi. Due minuti di scene, di frasi e di indizi su quello che il pubblico vedrà nella nuova stagione che metterà fine, almeno in parte (e come sembra), al regno di Genny Savastano.

Dopo aver rischiato la vita per l’ennesima volta alla fine il boss cede al volere della moglie e decide di cambiare vita dicendo addio a Secondigliano e guardando al futuro, a nuovi affari, che lo porteranno fino a Londra. Lì tutto cambia e lontano dal ghetto e dalla vita di strada sembra davvero che per lui un altro genere di affari sia ancora possibile ma all’improvviso gli scenari muteranno ancora e forse quello che sembrava un addio non lo sarà.

Dall’altra parte abbiamo Patrizia, adesso regina indiscussa di Secondigliano contro il parare di tutti gli altri che non amano avere una donna al comando. Come se questo non bastasse i Capaccio sembrano pronti per una nuova guerra nonostante il parere sfavorevole del re del centro di Napoli ovvero Sangue blu, questo li fermerà oppure no? Clicca qui per vedere il promo di Gomorra 4.

Dalle immagini del nuovo promo sembra proprio di no e a complicare le cose ci penserà l’arrivo di una nuova famiglia, i Levante. Saranno loro che dovranno sedere al fianco di Patrizia quando Genny lascerà gli affari di Napoli per andare a Londra, e a quel punto vorranno dire la loro sulla presenza di una donna al loro tavolo. Chi sono e fino a dove si spingeranno in questa nuova guerra? Patrizia sarà chiamata ad uccidere e prendere decisioni difficili per rimanere a galla, sarà lei a fare una brutta fine in questa stagione o toccherà a lei vendere Genny ai nemici?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.