Accelerata Pie per Samsung Galaxy A8 2018: buone premesse

Magari anche prima di aprile l'aggiornamento Pie sul Samsung Galaxy A8 2018: le cose girano bene

11
CONDIVISIONI

Le cose si mettono bene per il Samsung Galaxy A8 2018, definito ai tempi della presentazione come un S8 Plus in miniatura, che avrebbe avuto molto da offrire a quanti avrebbero deciso di acquistarlo. Il colosso di Seul sta mantenendo la promessa, garantendo per il device prima l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo, e proiettandolo dopo nell’orbita di Android 9.0 Pie (non è chiaro se quest’ultimo upgrade verrà o meno abbinato alla nuova One UI, anche se la logica ed il buon senso così suggerirebbero). Proprio oggi 10 gennaio, il dispositivo è stato pizzicato sulle pagine di GeekBench, in prova con Android 9.0 Pie, ottenendo risultati più che discreti per la fascia di mercato cui appartiene: 1533 in single-core e 4321 punti in multi-core.

I risultati sono allineati a quelli totalizzati dagli altri dispositivi della stessa fascia, a dimostrazione del buon lavoro di ottimizzazione che stanno compiendo gli sviluppatori (che dovrebbe ormai anche essere arrivato alle battute finali). Alcune precedenti roadmap avevano suggerito l’upgrade alla nuova distribuzione Android sarebbe arrivato per il Samsung Galaxy A8 2018 entro il mese di aprile, ma, se la situazione continuerà così tanto a sorridere al device, possibile l’aggiornamento arrivi anche prima, con qualche settimana di anticipo (possiamo rafforzare quest’ipotesi tanto più oggi, vista la registrazione del device su GeekBench con Android 9.0 Pie).

Uno smartphone presentato l’anno scorso, e che non è mai appartenuto alla fascia alta del mercato: non è andata poi così male a chi ha deciso di acquistarlo, che tra non molto potrà godere di tutte le novità previste dall’ultima major-release dell’OS mobile di Big G, assistendo alla rinascita del proprio dispositivo (dal punto di vista delle funzionalità, e speriamo anche dell’autonomia). In fondo non potete lamentarvi, anche considerato il costo medio del terminale: questa volta l’azienda asiatica ha colto nel segno.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.