Del tutto saltato iPhone SE 2? Le ultime voci infrangono i sogni dei consumatori

Probabilmente abolito iPhone SE 2: il lancio potrebbe non avvenire affatto

7
CONDIVISIONI

Tutt’ad un tratto sembrava fossimo veramente vicini a toccare con mano iPhone SE 2, erede del fortunato modello del 2016, ma con un design che avrebbe ricordato più quello di iPhone X. Si pensava il dispositivo sarebbe stato presentato nel corso dell’ultimo keynote, quello che un paio di settimane fa calò il sipario su iOS 12. Accantonato quell’evento, era lecito aspettarsi il device sarebbe arrivato comunque durante l’anno, però così non sembra essere.

Stando a quanto riportato da ‘PhoneArena.com‘, il produttore di accessori Olixar, ricevuta la soffiata da una fonte anonima, avrebbe interrotto la realizzazione degli accessori dedicati ad iPhone SE 2, dispositivo che si dice non verrà più alla luce nel 2018, né mai. Il settore del campo mobile sta spostando la propria attenzione su smartphone sempre più grandi, anche se con cornici ottimizzate: sarebbe strano da parte della mela morsicata continuare a puntare su un telefono dalle dimensioni ridotte. A suo tempo iPhone SE riuscì ad ottenere un discreto successo, diventando un prodotto di nicchia: le nicchie, però, non fanno al caso di Apple, che punta certamente molto più in alto.

Ad un certo punto si è anche pensato il dispositivo potesse chiamarsi iPhone X Mini, fino a che l’idea non è stata del tutto accantonata, almeno fino a prova contraria. Le possibilità di assistere al lancio di iPhone SE 2 si sono ridotte all’osso, sia per quel che riguarda l’anno corrente che quelli futuri. Un dispiacere sicuramente per quelli che avevano sperato nella proposta di un device di questo tipo, potente ed economico al punto giusto, con tratti di design ereditati da iPhone X, ma pur piccolo e compatto grazie al lavoro di ottimizzazione delle cornici. Al momento il vento non sembra favorevole all’annuncio di un dispositivo di questo tipo, vedremo poi in seguito.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.