Patrick Dempsey nella Dottoressa Giò con Barbara D’Urso? A luglio le riprese del sequel

Patrick Dempsey è pronto a tornare in corsia ma non per Grey's Anatomy ma per La Dottoressa Giò e Barbara D'Urso

196
CONDIVISIONI

Si torna a parlare di Patrick Dempsey nella Dottoressa Giò e questa volta è il famoso sito Dagospia a confermare la presenza della guest star di lusso nel sequel della fiction con Barbara D’Urso. Si tratta ancora di rumors ma questa volta sembrano più fondati del solito visto che non solo il sito conferma la presenza del dottor Stranamore di Grey’s Anatomy ma anche il fatto che l’instancabile conduttrice napoletana possa essere sul set già a luglio.

Questo significherebbe che Barbara D’Urso dopo la sua avventura al Grande Fratello (in dirittura di arrivo i primi di giugno se tutto andrà come previsto) e chiuse le dirette di Domenica Live e Pomeriggio 5 (prevista per metà giugno), potrebbe a buttarsi capofitto nello studio del copione del sequel della sua adorata Dottoressa Giò.

Dall’altro lato, invece, i fan di Grey’s Anatomy dovrebbero prepararsi a tenere d’occhio Patrick Dempsey perché girare la fiction significherebbe passare un lungo periodo in Italia anche se solo per un ruolo da guest star.

Dagospia scrive: “Se pensate che il Grande Fratello, Pomeriggio 5 e Domenica Live possano fiaccare Barbarella d’Urso, beh avete toppato alla grande! Lavora pure a Ferragosto! A luglio inizieranno infatti le riprese della nuova stagione de La Dottoressa Giò, fiction anni ’90 in cui al posto di Paolo Calissano apparirà… Patrick Dempsey di Grey’s Anatomy”.

Ripetiamo che al momento non vi è alcuna conferma ufficiale e la stessa Barbara D’Urso, nei giorni scorsi, ha parlato della possibilità del ritorno della sua adorata serie ma lasciando intendere che Patrick Dempsey è un grande desiderio. Diventerà davvero qualcosa di più nei prossimi giorni e a luglio lo vedremo in Italia per le riprese? Dobbiamo attendere la conferma ufficiale per iniziare ad esultare.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.