L’Allieva Alessandra Mastronardi ai Golden Globes 2018: dalla Garbatella al primo red carpet a Los Angeles, salto di qualità?

Il 2018 potrebbe essere l'anno della consacrazione per Alessandra Mastronardi ieri sera sul red carpet dei Golden Globes, dove arriverà?

4
CONDIVISIONI

Un pizzico di orgoglio non guasta mai e oggi il pubblico gongola un po’ nel vedere Alessandra Mastronardi ai Golden Globes 2018. Il nuovo anno potrebbe segnare una svolta per l’attrice italiana che potrebbe finalmente ottenere quel salto di qualità e quei riconoscimenti che spera e che, in fondo, merita anche un po’.

Tanta gavetta per la giovane attrice napoletana nota al grande pubblico per il ruolo che l’ha consacrata ovvero quello della passionale e sognatrice Eva de I Cesaroni. Dalla Garbatella romana al red carpet di Los Angeles il passo è stato breve anche se in realtà in mezzo ci sono oltre dieci anni di duro lavoro che hanno visto l’attrice impegnata in ruoli diversi e ben variegati.

Da I Cesaroni ai 14 episodi di Romanzo Criminale, alle fiction di Rai1 fino al ruolo di Alice ne L’Allieva al fianco di Lino Guanciale. Proprio con questa fiction è arrivata la consacrazione per tutti e due e mentre Guanciale è stato uno degli attori più “televisivi” di questi ultimi due anni, Alessandra Mastronardi ha spiccato il volo approdando alle grandi produzioni internazionale come Master of None, che l’ha portata ai Golden Globes 2018, e I Medici 2 presto in onda in Italia e non solo.

Stessa cosa per quel che riguarda il cinema. La bella Mastronardi in questi ultimi tre anni si è dedicata ad una serie di produzione che di italiano hanno avuto poco e questo non fa altro che confermare che la sua aspirazione internazionale potrebbe portarla lontano. Sicuramente questo 2018 potrà dettare le regole di quello che succederà o meno in futuro, fino a quel momento non possiamo che apprezzarla nel suo abito nero Chanel in nome della protesta Time’s Up augurandole il meglio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.