Per tutti i OnePlus 3 e 3T la beta pubblica dell’aggiornamento Oreo, primi problemi

Arrivata la prima beta pubblica su OnePlus 3 e 3T dell'aggiornamento Oreo: quello che c'è da sapere

3
CONDIVISIONI

La giornata non poteva iniziare nel migliore dei modi per i possessori di OnePlus 3 e 3T, che ricevono oggi la prima beta pubblica dell’aggiornamento del sistema operativo ad Android 8.0 Oreo. La denominazione per esteso che caratterizza la nuova serie firmware è OxygenOS Open Beta 25/16, un’implementazione che porta con sé tutte le novità più attese della versione biscottata dell’OS mobile di Big G.

Dobbiamo però segnalarvi che, contrariamente a quanto si sperasse, la patch di sicurezza risulta ancora essere quella del mese di settembre, e non corrispondere all’ultima concepita da Google, e distribuita già da qualche giorno su Nexus e Pixel.

Trattandosi della prima beta pubblica per OnePlus 3 e 3T basata sull’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo, non aspettatevi miracoli: la release potrebbe presentare qualche bug, o comunque non essere adatta all’utilizzo quotidiano (nel caso, non ci sarebbe proprio nulla di strano). Lo stesso produttore ha fatto sapere che ci sono anomalie con il lettore di impronte digitali, con l’NFC e con Google Foto. Anche la compatibilità con applicazioni terze hanno bisogno di un lavoro di ottimizzazione aggiuntiva per poter girare al meglio.

Chi di voi risulti iscritto al programma di beta testing, potrà scaricare questa prima beta pubblica per OnePlus 3 e 3T basata sull’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo anche subito, tramite OTA (Over-The-Air). In alternativa, ecco la pagina da cui effettuare il download del firmware completo (utilizzando sempre la massima cautela).

Le cose, come potete vedere, stanno andando esattamente come avevamo previsto qualche giorno fa. Naturalmente, il destino non sarà meno generoso con OnePlus 5: l’ultimo top di gamma, misteriosamente non più disponibile all’acquisto, dovrebbe agguantare la prima release finale dell’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo entro novembre 2017. Insomma, le cose iniziano a girare per il verso giusto: preoccupiamoci intanto di testare questa prima beta pubblica su OnePlus 3 e 3T, che molto ci dirà sullo stato dei lavori.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.