Tempistiche per l’aggiornamento Android Pie su OnePlus 3 e 3T: nuovi riscontri ufficiali

Un approfondimento doveroso dopo le ultime segnalazioni giunte per questi device

3
CONDIVISIONI

Da tempo non vi parliamo sulle nostre pagine di OnePlus 3 e 3T, device che grazie ad una scheda tecnica di tutto rispetto dispongono ancora di importanti quote di mercato nel nostro Paese. Dopo l’ultimo bollettino di fine 2018, infatti, vogliamo analizzare nuovamente la situazione di due prodotto che continuano a farsi rispettare, nonostante sia passato ormai del tempo dal loro lancio. In particolare, il focus per il pubblico è rivolto ormai da tempo sul rilascio dell’aggiornamento Android Pie, soprattutto da quando abbiamo capito che il produttore avrebbe fatto questo step.

Come stanno le cose oggi 28 febbraio? Di recente è giunta una presa di posizione ufficiale molto importante per chi dispone di un OnePlus 3 e 3T. A sbilanciarsi, nel forum ufficiale del brand è stato David Y., membro dello staff di OnePlus, il quale ha fatto capire chiaramente che il prossimo aggiornamento sarà un update delle patch di sicurezza, ancora una volta basato sul vecchio Android Oreo. Probabilmente l’aggiornamento in questione sarà in uscita nei prossimi giorni.

Successivamente, a suo dire, sarà il turno di Android Pie. Dopo aver dato la notizia, la fonte interna allo staff ha invitato tutti a fare qualcosa di più significativo che dare la caccia all’aggiornamento. Sintomo del fatto che di recente in tanti si siano lasciati prendere dall’ansia in vista di un upgrade che potrebbe cambiare in modo significativo il modo in cui siamo abituati ad utilizzare i vari OnePlus 3 e 3T.

Ora, dando uno sguardo allo storico di questo brand, emerge che gli aggiornamenti siano di solito bimestrali, ragion per cui è possibile che i possessori di un OnePlus 3 e 3T possano ricevere Android Pie entro la fine di aprile o ad inizio maggio. Staremo a vedere come andranno le cose per i due modelli in questione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.