Come guardare House of Cards 5 su Sky Atlantic e Now TV: programmazione italiana e orari

Al via House of Cards 5, che in Italia sarà trasmesso in esclusiva su Sky Atlantic e Now TV: i dettagli sulla programmazione

Il grande giorno è finalmente arrivato anche per i fan italiani: House of Cards 5 debutterà nel Bel Paese nella serata di questo mercoledì 31 maggio, dopo che negli Stati Uniti è stato reso disponibile su Netflix nella mattinata di martedì 30 maggio.

Al contrario di quanto accade oltreoceano, noi italiani non potremo vedere la serie su Netflix, pur essendone una produzione originale: i diritti di House of Cards sono stati acquistati da Sky, che trasmetterà in esclusiva anche la quinta stagione della serie con Kevin Spacey e Robin Wright.

I primi due episodi di House of Cards 5 saranno trasmessi su Sky Atlantic HD, canale 110 di Sky, in prima visione a partire dalle 21:15. La programmazione continuerà poi su base settimanale, ogni mercoledì su Sky Atlantic, fino ad arrivare al tredicesimo e ultimo episodio di House of Cards 5. Subito dopo la messa in onda, i due episodi saranno resi disponibili alla visione su Sky On Demand e su Now TV.

Ai più non sarà sfuggito lo svantaggio della programmazione italiana rispetto a quella americana su Netflix, che permette di vedere tutti i nuovi episodi senza il bisogno di aspettare la messa in onda settimanale. Ecco perché, secondo alcune fonti, per gli abbonati al servizio Sky Box Sets sarà immediatamente disponibile tutta la quinta stagione di House of Cards doppiata in italiano, senza la necessità di attendere settimane per poter completare la visione degli episodi: attualmente gli episodi non sono ancora disponibili, ma vi aggiorneremo su quando Sky aggiungerà House of Cards 5 su Box Sets.

Ecco la trama della nuova stagione di House of Cards:

Nel nuovo capitolo la tensione alla Casa Bianca si taglierà col coltello, e ritroveremo Frank e Claire impegnati a farsi strada nel mondo della politica a stelle e strisce di altissimo livello e, allo stesso tempo, a ridefinire la loro relazione e i rapporti con altri personaggi chiave.

La quinta stagione di House of Cards comincia esattamente da dov’era finita la quarta: nel mezzo delle tesissime elezioni presidenziali che vede contrapporsi da una parte il ticket formato dai coniugi Underwood, e dall’altra la nuova stella dei Repubblicani, Will Conway.

La questione più importante, però, resta per l’appunto lo stato della relazione tra i personaggi di Spacey e Wright.

Alla Casa Bianca, Frank Underwood può sempre contare sull’aiuto del suo fedelissimo Capo dello Staff, Doug Stamper, ma ci sono altre presenze ormai ben note ai fan della serie, alcune dalla parte di Mr. President, altre un po’ meno: Catherine Durante, attuale Segretario di Stato, Seth Grayson, attuale Addetto Stampa, LeAnn Harvey, preziosissima consulente, e Tom Yates, scrittore non solo di romanzi, ma anche dei discorsi di Frank e Claire.

In questa nuova stagione, però, l’azione arriverà in gran parte da fuori: un elettorato sempre più arrabbiato, un gruppo di giornalisti investigativi intenzionati a fare veramente luce su certe questioni, e certe figure profondamente legate a determinati ambienti politici. Mentre gli Underwood avvisano la nazione intera a prepararsi alla guerra contro i terroristi dell’ICO, ecco di conseguenza apparire sulla scena nuovi alleati e nuovi avversari.

Gli outsider a questo giro sono Mark Usher (Campbell Scott) e Jane Davis (Patricia Clarkson), due individui tanto potenti quanto desiderosi di non finire sotto i riflettori. Cosa vorranno veramente?

Intanto, al Washington Herald Tom Hammerschmidt (Boris McGiver) e il giovane reporter Sean Jeffries (Korey Jackson) cercano di scoprire la verità sulla morte di Zoe Barnes e sull’improvvisa scomparsa di Rachel Posner.

Giochi di potere senza esclusione di colpi, nuove alleanze, incredibili e imprevedibili tradimenti, e il desiderio di vincere a qualsiasi costo – e non solo da parte di Frank underwood.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.