Stasera i David di Donatello 2017, come seguire la diretta in tv e in streaming

Per il secondo anno consecutivo Sky trasmette la cerimonia del più ambito premio del cinema italiano, giunto all'edizione numero 61. La sfida è tra "La pazza gioia" di Paolo Virzì e "Indivisibili" di Edoardo De Angelis. Ecco come vedere l'evento in tv e in streaming.

63
CONDIVISIONI

Questa sera, lunedì 27 marzo, c’è la cerimonia dei David di Donatello 2017, 61esima edizione del più prestigioso premio del cinema italiano, assegnato dal 1956 dall’Ente David di Donatello dell’Accademia del Cinema Italiano. Per il secondo anno consecutivo la manifestazione, che si svolgerà agli Studios di Via Tiburtina a Roma, sarà trasmessa da Sky, presentata come nel 2016 da uno dei suoi volti più noti, Alessandro Cattelan.

Come seguire la diretta tv e streaming. La cerimonia dei David di Donatello 2017 andrà in onda dalle 21.15, trasmessa in contemporanea su Sky Cinema Uno, Sky Uno e Sky Arte (rispettivamente canale 301, 105/108 e 120/400), ai quali si aggiunge Sky Cinema David di Donatello, che è Sky Cinema Hits (numero 304 della piattaforma), trasformato dal 20 al 31 marzo in un canale tematico dedicato all’evento, con la messa in onda di oltre 60 titoli premiati con la statuetta nelle precedenti edizioni, fra i quali 8 dei vincitori 2016 (i film sono disponibili anche su Sky On Demand).

I non abbonati potranno vedere l’evento in diretta su Tv8 (canale 8 del digitale terrestre), che trasmette anche in streaming. La cerimonia sarà preceduta alle 20.50 dal red carpet, visibile su Sky Cinema Uno HD, Sky Cinema David di Donatello HD, Sky Arte HD, con l‘arrivo degli ospiti commentato da Francesco Castelnuovo e Filippa Lagerback. Per chi non potesse seguire la diretta televisiva, sarà possibile essere aggiornati in tempo reale sui premiati sul liveblog dell’evento, a questo indirizzo. Per gli abbonati Sky, c’è anche la possibilità di seguire la serata con l’app Sky Go.

Sky è chiamata a confermare tutto quello che di buono si disse l’anno scorso circa la produzione dell’evento, che fu decisamente più brillante, col suo sapore glamour e internazionale, della vecchia e sonnacchiosa gestione della Rai. Già annunciati, tra i tanti che si alterneranno sul palco per annunciare i vincitori, i nomi di Claudio Amendola, Valerio Aprea, Luca Argentero, Alessandro Bertolazzi, Valeria Bilello, Ninni Bruschetta, Maccio Capatonda, Marco D’Amore, Stella Egitto, Stefano Fresi, Eleonora Giovanardi, Alessandro Infascelli, David Lang, Lorenzo Lavia, Valentina Lodovini, Gabriele Mainetti, Gabriele Muccino, Gabriella Pescucci, Eva Riccobono, Claudio Santamaria, Kasia Smutniak, Giuseppe Tornatore, Jasmine Trinca, Carlo Verdone.

Ai David di Donatello 2017 è prevista anche un’esibizione musicale di Manuel Agnelli, ma ci saranno anche ospiti a sorpresa e diversi omaggi, tra cui quello a Josciua Algeri, il giovanissimo protagonista di Fiore di Claudio Giovannesi – nella cinquina del miglior film -, tragicamente scomparso ad appena ventun’anni in un incidente stradale il 4 marzo scorso.

Oltre a Fiore, i candidati per il miglior film ai David di Donatello 2017 sono La pazza gioia di Paolo Virzì e Indivisibili di Edoardo De Angelis, che hanno collezionato entrambi 17 nomination, il film automobilistico Veloce come il vento di Matteo Rovere (16 candidature) e Fai bei sogni di Marco Bellocchio (10 nomination in totale).

Tra le categorie più attese naturalmente quelle per i migliori interpreti: tra gli uomini il Valerio Mastandrea di Fai bei sogni (candidato anche come non protagonista per Fiore) se la vedrà con Toni Servillo (Le confessioni) e Stefano Accorsi (Veloce come il vento); tra le donne c’è lo scontro in famiglia tra Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti (entrambe per La pazza gioia), tallonate dall’outsider Matilde De Angelis (Veloce come il vento) e le sorprendenti gemelle Fontana di Indivisibili.

David di Donatello 2017, qui tutte le candidature

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.