Tutti i santi giorni di Paolo Virzì: l’amore ai tempi della vita precaria

In prima tv stasera su Rai Tre la bella commedia romantica del regista livornese. Un film che mescola con intelligenza favola e realismo e racconta una coppia di oggi che grazie alla forza dei sentimenti riesce ad affrontare le difficoltà della vita quotidiana.

Valutazione:
81
CONDIVISIONI

Guido (Luca Marinelli) sveglia tutte le mattine la compagna Antonia (Thony) e mentre le porta la colazione le racconta dettagliatamente la storia del santo del giorno perché, laureato in lettere classiche, è un grande esperto di martiri protocristiani. Poi va a dormire, perché ha appena terminato il suo lavoro di portiere notturno in un grande albergo, mentre lei, cantante intimista dalle aspirazioni ormai quasi passate va a lavorare in un autonoleggio alla stazione Tiburtina.

I protagonisti di Tutti i santi giorni (2012), il film di Paolo Virzì ispirato al romanzo La generazione di Simone Lenzi, sono una perfetta coppia flessibile italiana di oggi: tempi che non corrispondono e lavori nemmeno, perché entrambi proseguono due attività alimentari lontane dalle reali aspirazioni. Ma c’è l’amore a legare il bizzarro bibliomane Guido all’orgogliosamente ignorante Antonia: e poi sorge il desiderio di avere un figlio ad accomunarli ancora di più, ma anche a metterne in crisi le certezze.

Paolo Virzì, come sempre, ha un sincero interesse per le storie umane, che si manifesta nella ricerca di esattezza sociologica dell’insieme. Qui a completare il quadro c’è la vita in una periferia romana di mesto anonimato, nella quale la coppia è accerchiata da un vicinato che, tra bicipiti palestrati e pantacollant, sembra un calco letterale della fauna televisiva.

Il fatto di aver scelto una piccola storia e due volti cinematograficamente nuovi dà a Virzì la tranquillità di muoversi in completa libertà, senza gli assilli di affresco sociale nei quali talvolta si ingolfa – come in Tutta la vita davanti o l’ambizioso Il capitale umano – per l’ansia di trarre conclusioni esemplari. In realtà del capitale riesce a dire di più quando lo filtra attraverso il quotidiano di persone normali, come gli era successo in uno dei suoi film più convincenti, Ovosodo.

In Tutti i santi giorni il regista trova anche il gusto di sperimentare visivamente, creando una tavolozza coloratissima e psichedelica, da trip gentile e favolistico, in cui i brani in inglese di lei, che è davvero una cantante, regalano al film una cadenza informale quasi indie, senza per questo snaturane il carattere pienamente italiano.

Che affiora da tante situazioni: la famiglia siciliana ansiosa e possessiva di Thony, le coppie coatte romane che fanno figli ma non hanno prospettive esistenziali, il ginecologo luminare, soldomane e cattolico, che si fa assistere dalle suore ed è contrario alla fecondazione assistita. La ginecologa che invece la pratica è simpatica, spiritosa e disinteressata al denaro: e in questa netta distinzione tra i due medici il film corre il rischio di impantanarsi in un generico progressismo di sinistra, quello che ha vizio di dividere il paese in un’Italia giusta e un’altra che non piace.

Ma Virzì si sottrae al gioco, grazie a un tono che evita qualunque giudizio moralistico: sposa un tono quasi favolistico, da commedia romantica più che all’italiana e si concentra affettuosamente su due vite ostinatamente ottimiste, che desiderano ancora, nonostante tutto, cercare il proprio modo di stare al mondo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.