“Un assaggio di Napoli” e un SMS a Socrate: lo scrittore e filosofo Aldo Di Mauro si racconta

6
CONDIVISIONI

La Napoli della tradizione classica incontra le eccellenze partenopee della contemporaneità nel libro “Un assaggio di Napoli” (Graus Editore) di Aldo Di Mauro: “la memoria storica, il passato è un autentico ‘bagaglio’ da cui partire per poter raccontare e interpretare il futuro” racconta ad Optimagazine lo scrittore e filosofo meridionale.

Di Mauro racconta anche la nascita del cabaret in Italia negli anni Settanta: “Sono stato tra gli iniziatori di questa nuova ondata di autori e attori del cabaret italiano (e napoletano in particolare). I Sadici Piangenti, Vittorio Marsiglia e i Trettre erano tra i protagonisti di quella stagione da me vissuta. Nell’Italia settentrionale esplose il fenomeno degli ‘stand up comedians’ mentre a Napoli si diffuse la cultura di una autentica teatralità, non confinata alla singola battuta o al singolo sketch. Da quella stagione sono emersi grandi attori di teatro come, ad esempio, Benedetto Casillo“.

A chi invierebbe un ideale SMS Aldo Di Mauro? Sorprendentemente, lo scrittore sceglie Socrate come destinatario del suo messaggio: “Gli scriverei: ‘grazie Socrate, devo a te se il dialogo è oggi la mia massima aspirazione’!”.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.