Uscita del Sony Xperia Z2 in Italia, ecco le date

Svelato il mistero sulla commercializzazione del Sony Xperia Z2. Finalmente qualche certezza in più per chi lo ha già pagato

1
CONDIVISIONI

Il Sony Xperia Z2 ha fatto discutere moltissimo in queste settimane, soprattutto per quanto riguarda un argomento che ha creato più problemi del previsto, sia all’azienda, sia soprattutto a coloro che hanno deciso di effettuare il preordine del modello.

In particolare, se da un lato era stato detto inizialmente che il momento sarebbe stato disponibile anche in Italia molto presto, presumibilmente durante il mese di marzo, allo stesso tempo le aspettative del target in questione si sono rivelate sbagliate, anche se Sony non ha mai spiegato in modo dettagliato cosa abbia rallentato la macchina commerciale di un modello così importante dal punto di vista strategico.

Nelle ultime ore, in ogni caso, è spuntato in Rete quantomeno qualche dettaglio in più sulla tempistica necessaria alla casa produttrice per rendere disponibile il prodotto: gli impazienti, ovvero chi ha già effettuato il preordine del Sony Xperia Z2, dovranno aspettare ancora un paio di settimane circa, prima di mettere le mani sul modello acquistato in queste settimane.

Discorso diverso per chi non si è garantito questo diritto: la vendita “libera” del Sony Xperia Z2 in Italia, infatti, scatterà solo a partire da metà maggio. Giusta, sotto questo punto di vista, la decisione dell’azienda di accontentare prima chi ha già affrontato un esborso economico importante per assicurarsi il nuovo gioiellino giapponese, ma è allo stesso tempo innegabile che il ritardo accumulato nei confronti di altri top di gamma, come nel caso del Samsung Galaxy S5 e dell’HTC One M8, potrebbe avere serie conseguenze sulla mole di vendite dello smartphone.

Inevitabile, a questo punto, attendersi ulteriori annunci da parte di Sony, magari per placare l’ira di chi è ansioso da settimane di mettere la mani sul nuovo Sony Xperia Z2.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.