5G anche sui cellulari più economici con Snapdragon 690: le novità da Qualcomm

Le caratteristiche tecniche del nuovo chipset garantiscono pieno supporto alle reti 5G anche per i dispositivi di fascia media. Scopriamole insieme

6
CONDIVISIONI

Mentre proseguono le polemiche in Italia e nel mondo, la tecnologia 5G compie un ulteriore passo verso una più ampia accessibilità. Nella giornata di oggi, 17 giugno 2020, Qualcomm ha infatti presentato in via ufficiale il suo nuovo chipset, denominato Snapdragon 690 e in grado di portare standard di banda più elevati anche sugli smartphone di fascia media e non solo su quelli top di gamma, dandovi accesso anche a chi opterà per l’acquisto di un dispositivo decisamente più economico. Non solo, le interessanti caratteristiche tecniche messe sul piatto consentono di supportare anche gli schermi con display a 120 Hz, per la prima volta in questa fascia di gamma.

Qualcomm Snapdragon 690: 5G e caratteristiche tecniche

Andando più nello specifico, lo Snapdragon 690 presenta il modem Snapdragon X51, che garantisce la piena compatibilità alle reti 5G sub-6Ghz in SA ed NSA, con una conseguente velocità di download di 2,5Gbps e upload di 660Mbps. Il chipset di Qualcomm si basa su una CPU octa-core – con 8 core Kyro 560 e frequenza fino a 2GHz – e GPU Adreno 619L, con performance superiori di circa il 60% rispetto alle precedenti generazioni. Non manca neppure il supporto alla ricarica veloce attraverso la tecnologia Quick Charge 4+ e quello alle memorie RAM LPDDR4x, senza dimenticare la presenza di registrazione video in 4K HDR e di una qualità fotografica fino a 192 megapixel.

Al netto del 5G in fascia media, va segnalata anche la presenza del Qualcomm AI Engine di quinta generazione, che punta a migliorare le prestazioni dell’intelligenza artificiale fino ad un massimo del 70% rispetto alla quarta generazione. Per ora non è ancora chiaro quali saranno i primi smartphone che includeranno il sorprendente Snapdragon 690. Quel che è certo è che diversi produttori sono al lavoro su dispositivi 5G di fascia media, da Nokia a LG, passando per Sharp, Motorola, Wingtech e TCL. Non ci resta dunque che attendere sviluppi, mentre a questo indirizzo potete recuperare un’utile mappa che rileva la presenza di tutte le reti 5G sul territorio europeo, Italia compresa.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.