Conosciamo meglio i Redmi 9, Redmi 9C e Redmi 9A: schede tecniche e prezzo

Trapelati le specifiche tecniche ed i prezzi di vendita dei Redmi 9, Redmi 9C e Redmi 9A

1
CONDIVISIONI

Occorre oggi 1 giugno fare il punto della situazione sulle specifiche relative ai Redmi 9, Redmi 9C e Redmi 9A, che il leaker Sudhanshu ha inquadrato come meglio non si potrebbe per dispositivi non ancora ufficializzati. Il Redmi 9 viene spinto dal processore MediaTek Helio G70 Mali-G52, ed include uno schermo IPS LCD da 6.53 pollici con risoluzione FHD+. La fotocamera posteriore conta sensori da 13 + 8 + 5 + 2MP, mentre la frontale uno singolo da 5MP. La memoria RAM ammonta a 4GB, mentre lo storage interno a 64GB (espandibile tramite microSD fino a 512GB). Presenti l’ingresso USB-C, il jack per le cuffie da 3,5mm e la connettività NFC. La batteria dovrebbe avere una capacità da 5000mAh. Il prezzo? Si prevede possa oscillare tra i 160 ed i 180 euro.

Il Redmi 9C troverà la sua spinta nel processore MediaTek Helio G25 Mali G-31, con 3GB di RAM e 64GB di memoria interna (anche in questo caso espandibile tramite microSD fino a 512GB). Il device dovrebbe includere una batteria da 5000mAh, una fotocamera posteriore doppia da 13 + 2MP ed una frontale da 5MP. Lo schermo corrisponderà probabilmente ad un IPS LCD da 6.53 pollici con risoluzione HD+. Presenti l’USB-C, il jack per le cuffie da 3,5mm e la porta infrarossi. Il prezzo oscillerà tra i 130 ed i 150 euro.

Il modello più economico dei tre, il Redmi 9A, dovrebbe essere spinto dal processore MediaTek Helio G25 Mali-G31, con 3GB di RAM e 32GB di memoria interna (espandibile tramite microSD fino a 512GB). Il device monterà uno schermo LCD IPS da 6.43 pollici con risoluzione HD+, una fotocamera posteriore da 13MP ed una frontale da 5MP. Come per i Redmi 9 e 9C, anche il Redmi 9A dovrebbe includere una batteria da 5000mAh, insieme ad un ingresso USB-C, un jack per le cuffie da 3,5mm ed una porta infrarossi. Il prezzo atteso è di 100, 120 euro.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.