Call of Duty si prepara al futuro, centinaia di assunzioni per i prossimi capitoli

Sledgehammer Games espande il proprio team in vista dei lavori per il capitolo in arrivo nel 2021: si preannunciano grandi cose per i fan

L’exploit degli ultimi mesi di Call of Duty Warzone è stato senza ombra di dubbio qualcosa di sensazionale. Numeri da paura quelli fatti registrare dal Battle Royale di Activision, che in poco tempo ha visto oltre sessanta milioni di utenti unirsi alla festa.

Gran parte del merito va senza dubbio alla potenza del franchise, che nel corso dei decenni ha saputo imporsi come leader per il genere di competenza. Ma non va sottovalutato anche il lavoro dello studio di sviluppo, capace di confezionare un prodotto in grado di soddisfare le voglie ludiche della community. Un mix perfetto che ha portato a un successo che, in quel di Activision, si ha tutte le intenzioni di replicare anche in futuro.

Sledgehammer Games mette il turbo per il futuro di Call of Duty

Come noto, la serie Call of Duty rappresenta uno dei pilastri fondamentali delle uscite videoludiche annuali. È infatti uno dei pochi brand a riuscire a portare sugli scaffali ogni anno qualcosa di nuovo. Questo ovviamente lo si deve alla precisa strategia adoperata dal publisher, che ha assegnato a tre diversi team il compito di lavorare su scadenza triennale ad ogni nuovo capitolo. Ecco dunque che l’alternanza ha permesso ai fan di avere a disposizione titoli sempre molto diversi tra loro, anche se il tema di fondo è lo stesso.

Il futuro sembra però arridere non poco a Call of Duty, complici le ultime manovre portate avanti da Sledgehammer Games. Il team da duecento dipendenti – distribuiti nelle diverse sedi, dalla California all’Australia – sembra pronto a un nuovo e sostanzioso upgrade. Si parla infatti di cento nuove assunzioni, con un ampliamento della squadretta al lavoro sul capitolo del 2021 del 50%.

Numeri che lasciano presagire grandi cose in vista del futuro, anche se il recente passato non ha di certo lasciato a desiderare. Slesgehammer Games ha infatti avuto un ruolo attivo anche nello sviluppo di Call of Duty Warzone. È dunque anche grazie al suo contributo se il Battle Royale è riuscito a raggiungere i grandi traguardi che vi abbiamo citato in apertura.

Ovviamente non è possibile fare stime su cosa arriverà sugli schermi nel 2021, sebbene una cosa sia piuttosto certa: il primo capitolo next gen dello studio è destinato a grandi cose.

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.