Nas a Mantova per De Donno e cura plasma iperimmune? Le cose non stanno così

Non vera l'irruzione dei Nas a Mantova per De Donno e cura plasma iperimmune: come sono andate le cose

164
CONDIVISIONI

Gira voce già da qualche ora dell’invio da parte del Governo dei Nas a Mantova per controllare l’operato dello pneumologo Giuseppe De Donno e della cura al plasma iperimmune contro il Coronavirus. C’è da fare una precisazione importante riguardante tutto l’accaduto in modo da non interpretare male la faccenda per una ricostruzione veritiera dei fatti, così come sono andati.

Stando a quanto riportato da ‘Il Mattino‘, i Nas a Mantova non avrebbero fatto irruzione: la questione si sarebbe ridotta ad una semplice telefonata delle Forze dell’Ordine al noto dottore. Lo ha confermato lo stesso De Donno, parlando di una chiamata ordinaria avente lo scopo di raccogliere informazioni sommarie su quanto si stava facendo (trascorsi alcuni giorni da quell’unica telefonata, i Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma non si sarebbero più fatti sentire). In poche parole, non c’è stato alcun intervento tempestivo dei Nas a Mantova, ma una semplice telefonata.

Un ulteriore chiarimento di tutta la faccenda arriva dalla ‘Gazzetta di Mantova‘, che fornisce precisazioni circa l’equivoco venutosi a creare sull’espressione ‘donna incinta, paziente Covid‘. A tal riguardo, il direttore generale Raffaello Stradoni ha confermato l’interessamento da parte dei Nas alla questione della donna incinta guarita con plasma contro il Coronavirus. Si fa presente innanzitutto che la sperimentazione è possibile solo su determinati soggetti (quelli con gravi difficoltà respiratorie), in cui non rientrano le gestanti: viste, però, le condizioni della paziente (il rischio di perderla era molto alto, e con lei anche il bambino che porta in grembo), la cura è stata somministrata ugualmente in ambito compassionevole, riuscendo a salvarla. In ogni caso, i Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma non avrebbero fatto irruzione in ospedale e sequestrato cartelle cliniche: si sono limitati a fare solo una telefonata per fare luce sulla situazione.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.