The Last of Us Part 2 in arrivo a maggio, ma il rinvio non ha fatto bene a Naughty Dog

Rimandare il gioco di qualche mese avrebbe dovuto permettere al team di sviluppo di tirare il fiato e lavorare con più tranquillità, ma così non è stato

1
CONDIVISIONI

L’annuncio del rinvio di The Last of Us Part 2 non è stato accolto proprio con calore da parte dei fan, che già erano in trepidazione. Una traslazione temporale che, di fatto, ha richiesto soltanto una piccola porzione di pazienza in più. In sostanza si è trattato solo di una manciata di mesi, ma che avrebbero dovuto consentire al team di sviluppo di lavorare senza affanni. O, perlomeno, senza troppi affanni.

Un’evenienza che però non si è concretizzata, visto che Naughty Dog – un po’ come tutti gli studi al lavoro su giochi di un certo livello – all’avicinarsi del day one non ha mancato di andare in debito di ossigeno. Con le conseguenze del caso sulla salute (mentale e non) dei dipendenti.

Offerta
The Last of Us 2 - Playstation 4 [Esclusiva Amazon]
  • Uno dei franchise più famosi ed amati del mondo PlayStation con...
  • Sistema di gameplay rivoluzionato che rende ogni sfida, ogni scontro...

The Last of Us Part 2 e gli straordinari pericolosi

Le indiscrezioni in merito ai ritmi lavorativi nello studio responsabile di The Last of Us Part 2 arrivano da Jason Schreier, di Kotaku. Stando a quanto riportato dal giornalista, un mese fa circa alcuni dipendenti erano ancora negli uffici di venerdì sera alle 21 circa. Una storia che non sarebbe emersa, se non fosse stato che proprio in quel frangente, all’opera, c’erano alcuni operai, ignari della presenza degli sviluppatori a quell’ora. E che le manovre di questi ultimi abbiano provocato il distaccamento di un pesante tubo, con conseguente crollo.

Fortunatamente non ci sono state conseguenze se non tanto spavento per i ragazzi di Naughty Dog.

Un mezzo lieto fine, che ha però evidenziato di come, nonostante il rinvio, il ritmo dei lavori non sia di certo diminuito. Lo studio, d’altronde, è noto per il suo perfezionismo, che nel corso dell’ultimo decennio e più ha portato al cospetto dei fan produzioni del calibro del predecessore, The Last of Us, oltre all’intramontabile serie Uncharted.

E per The Last of Us Part 2 l’atmosfera tra le fila degli addetti ai lavori promette di diventare ancora più rovente. Dal personale un intervistato (che ha scelto la via dell’anonimato) ha confermato di come i ritmi siano elevatissimi. “Questo gioco è davvero ottimo, ma ha un costo enorme per le persone” ha infatti affermato. Con le aspettative dei fan immancabilmente alle stelle, Naughty Dog non ha alcuna intenzione di tradirle.

Ricordiamo che il gioco è atteso sugli scaffali a partire dal prossimo 29 maggio, in esclusiva per PS4.

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.