Uscita Resident Evil 8 vicina o lontana? Le previsioni sul titolo Capcom

Il nuovo capitolo della saga horror è da settimane protagonista di rumor e indiscrezioni, ma quando potrà effettivamente arrivare sugli scaffali?

5
CONDIVISIONI

Nonostante di Resident Evil 8 non si sappia sostanzialmente nulla, del nuovo capitolo della serie Capcom se ne sta facendo comunque un gran parlare. Merito ovviamente della sua natura videoludica, che lo rende a tutti gli effetti un vero e proprio punto di riferimento per quanto concerne il genere horror. Con la dipartita di Silent Hill, sparito dai radar da ormai oltre un decennio, è il nipponico “Biohazard” a fare la parte del leone.

E l’ultima iterazione inedita della saga, Resident Evil 7, ha confermato ancora una volta il ruolo di leader. Dopo le polemiche sollevate dai fan in seguito al cambio di rotta dettato dai capitoli 4, 5 e 6, Capcom ha di nuovo mischiato le carte. Via le dinamiche eccessivamente action e sotto di nuovo con le atmosfere survival. Il tutto condito da una visuale in prima persona altamente claustrofobica, che incrementa il senso di disagio nei giocatori. E se a questo ci aggiungiamo poi il supporto alla realtà virtuale con Playstation VR, il gioco (horror) è fatto.

Ma cosa bolle realmente in pentola per Resident Evil 8? E soprattutto, quando potrà Capcom dare alla luce questo nuovo capitolo della saga?

Resident Evil 8 rallenta, ma la situazione è pronta a cambiare

Di fatto, dall’uscita di Resident Evil 7, di tempo ne è passato ormai un bel po’. Correva infatti il mese di gennaio del 2017 quando Capcom proponeva al suo pubblico il nuovo capitolo della saga. Da allora l’attenzione del publisher si è spostata su un aspetto che evidentemente ne ha soddisfatto le aspettative economiche, vale a dire i remake. Con uno già pubblicato (Resident Evil 2) e un altro in arrivo nel giro di una manciata di settimane (Resident Evil 3) i dati arridono all’editore nipponico. Milioni le copie piazzate (o pronte a essere piazzate), con la strada che di certo sarà ampiamente battuta anche in futuro.

Concentrare le proprie forze su questi progetti costringe obbligatoriamente a rivedere i propri piani sulla serie principale. O meglio, sui nuovi capitoli che mirano a espanderne la narrativa inedita. E a farne le spese, al momento, è Resident Evil 8.

Una situazione che potrebbe però molto presto cambiare, complice la voglia di Capcom di incontrare le esigenze della community. Le richieste di un nuovo episodio non sono di certo poche, con i fan che attendono pazientemente una mossa da parte del publisher. E qualcosa potrebbe avvenire già durante i prossimi mesi, con l’annuncio del nuovo episodio che sarebbe nell’aria. E potrebbe concretizzarsi in vista degli eventi estivi (E3 2020 su tutti, ma occhio anche a Gamescom 2020 e Tokyo Game Show 2020).

A ridosso del lancio della futura generazione di console, Capcom potrebbe scegliere di stringere accordi commerciali importanti, anche soltanto in esclusiva temporale. Questo permetterebbe a Sony e Microsoft di attingere a un bacino d’utenza molto ampio, che sarebbe quindi pronto ad armarsi di PS5 o Xbox Series X.

Quanto tempo manca alla release?

Siamo ovviamente in alto mare per quanto concerne le ufficialità, ma il passato permette di fare qualche previsione. L’editore giapponese, per il suo franchise, ha sempre mostrato una certa predilezione per i primi sei mesi dell’anno. Non è quindi da escludere che Resident Evil 8 possa approdare sugli scaffali in quella fascia di tempo. Difficile che il tutto avvenga già nel 2021, visti i tempi comunque stretti tra eventuale annuncio e pubblicazione. Più probabile che il tutto divenga realtà nella parentesi temporale compresa tra gennaio e marzo 2022.

Una situazione chiaramente in continuo divenire, con gli aggiornamenti che si susseguiranno nel corso dei mesi. Restate sintonizzati su queste pagine per tutte le ultime novità.

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.