Pete Doherty è stato condannato a tre mesi con sospensione della pena per violenza e stato di ebbrezza

Il cantante potrà partire per il tour dei Libertines. L'avvocato: "Era ciò che avevamo chiesto"

7
CONDIVISIONI

A seguito delle 48 ore bollenti che lo hanno visto alle prese con la legge francese, Pete Doherty è stato condannato a tre mesi di reclusione con sospensione della pena.

Nella capitale francese il leader dei Libertines e dei Babyshambles ha dovuto affrontare per due volte un arresto a seguito di due episodi distinti. L’8 novembre era stato fermato mentre acquistava cocaina nel quartiere Pigalle alle 3 del mattino. 48 ore dopo, per festeggiare il suo rilascio, era uscito di casa – nel quartiere Saint-Germain-Des-Pres – in pigiama durante la notte e si era recato in un bar per una bevuta. Tra i fumi dell’alcol, Pete Doherty aveva sferrato un pugno a un ragazzo di 19 anni che lo aveva denunciato.

Prima dell’interrogatorio, gli agenti avevano preferito lasciarlo da solo per far sì che smaltisse gli effetti della sbornia. A proposito dell’episodio, l’avvocato Arash Derambarsh aveva riferito che Pete Doherty ha concluso da poco un processo di disintossicazione che oggi comporta una scarsa tolleranza delle bevande alcoliche. Lo stesso avvocato, del resto, aveva chiesto che al cantante britannico fosse concesso di continuare con la sua attività di musicista, considerando che i Libertines partiranno da Bruxelles il 18 novembre con il tour europeo.

Parlando con l’agenzia Reuters, infatti, Derambarsh ha riferito: “È una decisione indulgente. Mr Doherty sarà in grado di continuare a cantare. È quello che avevamo chiesto”.

Doherty, infatti, ha ricevuto una condanna a tre mesi di prigione con sospensione della pena, più una multa di circa 10000 euro – pari a 8500 sterline – per violenza in stato di ebbrezza. In poche parole, oltre al pagamento della sanzione, Pete Doherty è sottoposto a un periodo di prova con lo Stato francese grazie alla sospensione della pena, durante il quale dovrà mantenere un certo rigore e potrà proseguire la sua carriera di musicista con i Libertines, una condizione che appunto non gli impedirà di intraprendere il tour europeo con la band.

Peter Doherty & The Puta Madres
  • Audio CD – Audiobook
  • 04/26/2019 (Publication Date) - Strap Originals (Publisher)

Il soggiorno di Pete Doherty a Parigi è ricorrente, in quanto il cantante trascorre spesso lunghi periodi nella capitale francese. Il quartiere Pigalle, nel quale era stato sorpreso mentre acquistava cocaina, è tristemente famoso per lo spaccio di droga e in quell’occasione il musicista si trovava in possesso di due grammi della sostanza stupefacente.

La sua carriera è iniziata nel 1997 proprio con i Libertines e quest’anno ha lanciato il progetto Pete Doherty And The Puta Madres con il quale ha tenuto un concerto in Italia il 26 aprile. Dal 2005 milita anche nei Babyshambles. I suoi eccessi e la sua vita sregolata hanno fatto in modo che la stampa lo accostasse più volte alle grandi rockstar maledette del passato, anche se durante un’intervista Pete Doherty, 40 anni, è stato chiaro: Ho un grosso problema con l’età, ma è bene che si sappia che non ho alcuna voglia di morire. Tuttavia è capitato che una parte di me, in passato, abbia pensato di volerlo fare”.

Ora che Pete Doherty è stato condannato a tre mesi di reclusione con sospensione della pena dovrà buttarsi alle spalle i tristi episodi dell’ultima settimana e pensare solamente al tour con i Libertines, una concessione ottenuta grazie agli sforzi del suo legale.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.