Viola Davis alla Festa del Cinema di Roma, un red carpet da diva: “Solo qui mi sento una celebrità” (foto e video)

Premio alla carriera per Viola Davis alla Festa del Cinema di Roma, le immagini del red carpet della diva de Le Regole del Delitto Perfetto

217
CONDIVISIONI

Ha abbagliato i fotografi e il pubblico col suo abito bianco, Viola Davis alla Festa del Cinema di Roma: arrivata accompagnata dal marito Julius Tennon, col quale ha fondato una casa di produzione, la diva de Le Regole del Delitto Perfetto era l’ospite più attesa della penultima giornata della kermesse, che le ha tributato un premio alla carriera.

Sabato 26 ottobre la Davis ha calcato il red carpet dell’Auditorium Parco della Musica fermandosi, come da copione, a concedere autografi e quale selfie alla folla che la acclamava urlando il suo nome: ai microfoni della stampa sul tappeto rosso ha dichiarato che a differenza degli Stati Uniti, dove conduce una vita normale perlopiù facendo la mamma, a Roma sì che si sente “una celebrità“, per l’accoglienza che l’Italia – e i romani in particolare – le riservano.

Eccola accolta dal pubblico al suo arrivo sul tappeto rosso, fasciata in un lungo abito bianco, insieme al marito.

Una meravigliosa #ViolaDavis in bianco, col marito Julius Tennon, sul red carpet della Festa del Cinema di Roma tra autografi e selfie. Ha ricevuto il premio alla carriera da Pierfrancesco Favino ❤️📸

Pubblicato da Serial Stalkers su Sabato 26 ottobre 2019

La Davis ha ringraziato la città per il suo calore anche dal palco della sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica, che ha ospitato la straordinaria interprete per assegnarle il riconoscimento alla carriera: il premio le è stato consegnato da Pierfrancesco Favino al termine di un incontro con il pubblico in cui l’attrice e attivista americana ha ripercorso le tappe di un successo arrivato in età matura, dopo tanti sacrifici e tentativi non sempre felici di trovare ruoli – tra i pochi disponibili per donne adulte di etnia afroamericana, concetto che ha più spesso ribadito in questi anni – fino alla svolta con cinema e tv arrivata nell’ultimo decennio.

#ViolaDavis sul red carpet della Festa del Cinema di Roma prima della sua premiazione! Che dea ❤️

Pubblicato da Serial Stalkers su Domenica 27 ottobre 2019

Viola Davis alla Festa del Cinema di Roma è stata celebrata per il suo talento prominente che buca lo schermo e per le sue conquiste da record: è stata la prima attrice afroamericana ad aggiudicarsi il trittico di premi Oscar, Emmy e Tony, a riprova della sua versatilità nel fare cinema, televisione e teatro.

Candidata per tre volte agli Academy Award, l’Oscar per lei è arrivato nel 2017 come Miglior attrice non protagonista per Barriere, in cui è stata diretta da Denzel Washington. Due Tony Award ne hanno premiato il lavoro nelle opere teatrali Barriere, da cui è tratto il film omonimo, e King Hedley II. Infine nel 2015 è arrivato il primato che l’ha fatta entrare nella storia degli Emmy, l’Oscar della tv, oltre a renderla popolarissima presso il grande pubblico internazionale: la Davis è stata la prima interprete afroamericana a ottenere il premio come Miglior attrice protagonista in una serie drammatica, per il controverso e drammatico ruolo di Annalise Keating, penalista dalla dubbia morale e dal tormentato passato ne Le Regole del Delitto Perfetto (How To Get Away with Murder). Per questa serie prodotta dalla ShondaLand di Rhonda Rhimes, giunta ora alla sesta ed ultima stagione, ha ricevuto altre due candidature nel 2016 e nel 2019.

Ecco il momento della premiazione di Viola Davis, che ringrazia Roma per l’accoglienza, elogiando gli italiani per il loro modo di vivere, che ama particolarmente.

«Amo l’Italia, amo Roma, amo il fatto che viviate sempre la vostra vita al massimo, con passione. Grazie per questo onore, grazie per il vostro amore.» Viola Davis riceve il Premio alla Carriera di #RomaFF14

Pubblicato da Festa del Cinema di Roma su Sabato 26 ottobre 2019

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.