Presentato il Puma Sport: smartwatch realizzato con Fossil Group

Nasce Puma Sport, il primo smartwatch Wear OS realizzato in collaborazione con Fossil Group

L’IFA 2019 di Berlino è stato teatro anche della presentazione di Puma Sport, lo smartwatch che porta la firma del noto sponsor tecnico, realizzato in collaborazione con Fossil Group. Parliamo del primo indossabile con Wear OS concepito da Puma, provvisto di processore Snapdragon Wear 3100, 512MB di RAM e 4GB di ROM. L’orologio ha una cassa di 44 mm, con spessore di 11 mm e cinturino da 16 mm. Il peso del prodotto è di 28 gr.

Il Puma Sport include uno schermo AMOLED da 1.19 pollici a 328 ppi, touchscreen. Tra le connettività presente il Wi-Fi, il Bluetooth, l’NFC ed il GPS. A bordo ritroviamo il cardiofrequenzimetro, l’altimetro, il giroscopio, l’accelerometro ed il sensore di luce ambientale. Tra gli extra il microfono e la resistenza alle immersioni fino a 3 ATM (perfetto per il nuoto). Il Puma Sport dovrebbe essere messo in vendita nel mese di novembre, ad un prezzo non ancora comunicato dal produttore.

Difficile trovare uno smartwatch più completo: il Puma Sport sarà il compagno ideale per le vostre sessioni di allenamento, dall’alto del suo cinturino in silicone, del tutto traspirante, e della cassa, leggerissima, in alluminio e nylon, che trasuda anche tanta eleganza. Le colorazioni disponibili sono tre, tutte molto gradevoli (total black, nero e verde acido, rosa e bianco), come potete vedere nell’immagine di anteprima. Il Puma Sport si integra alla perfezione con Google Fit per il monitaraggio di una vasta gamma di attività sportive (i dati raccolti risulteranno anche molto attendibili per la presenza dei vari sensori integrati, di cui vi abbiamo sopra parlato). In attesa che arrivi novembre, mese designato per il lancio commerciale del Puma Sport, non ci resta che sperare il nuovo smartwatch non avrà un costo troppo elevato. Voi che idea vi siete fatti?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.