Robert Plant ricorda i Led Zeppelin: “Ottima band con un cantante per matrimoni”

L'ex frontman racconta la grande forza d'intesa che legava i tre strumentisti

4
CONDIVISIONI

Quando Robert Plant ricorda i Led Zeppelin, ogni tanto, possiamo respirare per il fatto che non sentiamo la sua ennesima negazione di una reunion con la band. Nell’ultima puntata del suo podcast Digging Deep, infatti l’ex frontman degli eroi di Whole Lotta Love ha descritto i Led Zeppelin come un’ottima band con un cantante per matrimoni.

Con questa autoironia ha descritto se stesso, specialmente nel momento in cui ha ricordato i lavori sul singolo Achilles’ Last Stand contenuto nell’album Presence (1976). La canzone era stata scritta poco dopo un incidente d’auto che aveva costretto Plant e la sua moglie di allora – Maureen – a una lunga convalescenza su una sedia a rotelle, e l’ex frontman ricorda quel tragico momento:

È stato un inferno. In quel periodo della mia vita avevo bisogno di essere sempre operativo, invece vivevo nel desiderio di scappare da tutto. Il mio entusiasmo di raccontare il mio disagio contribuì tantissimo alla riuscita della canzone, ma quei tre ragazzi erano impressionanti.

Nello specifico, aggiunge:

In quel momento ho capito che i Led Zeppelin erano un trio molto potente con un cantante per matrimoni messo lì, di fronte a tutti.

Plant ricorda i Led Zeppelin ancora una volta – dopo l’esecuzione di Immigrant Song in Islanda – ma confessa che Presence non è da considerarsi un album eccellente. Tuttavia, l’ex frontman riconosce l’importanza della fusione culturale e dell’interazione tra i tre strumentisti, una qualcosa che egli stesso definisce “folle”.

Per registrare Achilles’ Last Sand, addirittura, Jimmy Page lavorò un giorno e una notte alla ricerca di una perfezione come conseguenza di alcune critiche feroci nei suoi confronti, secondo le quali era diventato un chitarrista senza idee.

In altri momenti in cui Plant ricorda i Led Zeppelin, afferma di volere un gran bene all’ex chitarrista e di voler trascorrere almeno due settimane in sua compagnia, ma l’idea di riunire la band gli fa venire l’orticaria.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.