Red Dead Redemption 3 potrebbe non avere tempi di sviluppo lunghissimi?

Il prossimo capitolo della saga western di Rockstar Games potrebbe farsi attendere molto meno del secondo episodio

2
CONDIVISIONI

Pensare anche solo di immaginare un Red Dead Redemption 3, al giorno d’oggi, è pura utopia. A distanza di solo una manciata di mesi dal secondo capitolo della serie targata Rockstar Games (approdato sugli scaffali, lo ricordiamo, durante gli ultimi giorni del mese di ottobre dello scorso anno) non si può di certo pretendere la luna dal team di sviluppo. A maggior ragione se si pensa che Red Dead Redemption 2 non è di certo soltanto caratterizzato da una componente single player alquanto corposa: il multigiocatore di Red Dead Online è soltanto alle sue prime cavalcate nelle verdi praterie in rete, e ha intenzione di continuare le galoppate ancora per molto, molto tempo.

Come però è lecito che sia, tra i vertici dello studio responsabile degli ultimi due capitoli non smette di agitarsi il canonico fermento produttivo, con Red Dead Redemption 3 che comincia a formarsi sotto forma di nuvoletta da cui scaturirà un fulminante temporale ludico. A distanza di quelli che saranno anni da una potenziale release, ci si domanda ovviamente quanto tempo passerà effettivamente tra il capitolo disponibile e il prossimo venturo.

Otto anni di intervallo tra i primi due sono stati un lasso di tempo probabilmente troppo prolisso, con Take-Two che però ha pensato bene di lasciare al suo GTA 5 il tempo di sfogare adeguatamente le vendite prima di proporre sul mercato un titolo che avrebbe potuto pestargli (molto poco adorabilmente) i piedi. La speranza di chi ha adorato il secondo capitolo è ovviamente che Red Dead Redemption 3 non si faccia attendere eccessivamente, con un finestra di lancio compresa tra 5 e 6 anni che potrebbe rappresentare il giusto compromesso tra una release vicina e una eccessivamente lontana.

Chiaro è che un peso di assoluto rilievo nella scelta del publisher la avranno le prossime uscite che coinvolgeranno il team di sviluppo, con le voci di inerenti GTA 6 e Bully 2 che continuano a rincorrersi settimana dopo settimana, con Take-Two che ovviamente non ci pensa minimamente a gettare acqua sul fuoco per spegnere l’incendio mediatico che va progressivamente generandosi.

Staremo a vedere quale sarà il futuro che attende le serie in assoluto più giocate dagli utenti di tutto il mondo. In chiusura, vi ricordiamo la presenza della foltissima community online dedicata al secondo capitolo, Red Dead Redemption 2 Italia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.