Chicago PD 5, Chicago Fire 6 e Chicago Med 3 debuttano su Italia1 con tre episodi a settimana

Le serie di Dick Wolf sono pronte a sbarca su Italia1, ecco le novità su Chicago PD 5, Chicago Fire 6 e Chicago Med 3

594
CONDIVISIONI

Chicago PD 5, Chicago Fire 6 e Chicago Med 3 sono pronte a debuttare su Italia1, come ogni estate. Le serie firmate da Dick Wolf stanno per sbarcare nel prime time della rete giovane di casa Mediaset ma non lo faranno nella stessa serata bensì in tre diverse e, in particolare, il martedì, il giovedì e il venerdì a partire dal 25 giugno e con ben tre episodi a serata.

Queste sono le notizie disponibili al momento e che, salvo sorprese, saranno presto confermate dai promo “ufficiali” che riporteranno anche la data di messa in onda.

La prima a debuttare sarà Chicago PD 5 che prenderà il via proprio martedì 25 giugno su Italia1 a partire dalle 21.25 circa per un totale di tre episodi. Al giovedì, il 27 giugno, toccherà a Chicago Fire 6 e, infine, al venerdì, dal 28 giugno, sarà la volta di Chicago Med 3. Nuove avventure, nuovi casi da risolvere e un altro maxi crossover, regaleranno al pubblico di Italia1 le emozioni, le risate e i brividi di sempre a cominciare proprio da Chicago PD 5 che già nel primo episodio rivelerà ai fan il destino di Hank Voight alle prese con la consapevolezza che la sua Erin non tornerà e, quindi, ormai convinto che dovrà lasciarla andare per farle vivere la sua nuova vita nell’FBI lontano da lui.

Gli episodi di Chicago PD 5, Chicago Fire 6 e Chicago Med 3 sono andati in onda negli Usa ormai due anni fa e su Mediaset Premium lo scorso, per un totale di 22 episodi e, quindi, per un totale di almeno sette settimane e quindi tutta l’estate. Quali saranno le novità di questa stagione e quali le cose che ancora non conosciamo? Questo lo scopriremo solo a fine mese quando il nuovo percorso nelle serie sorelle NBC inizierà anche su Italia1 per la gioia dei fan.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.