Sciolta la prognosi ASUS ZenFone Max Pro e Android Pie su M2 e M1

C'è voluto più tempo del previsto, ma Android Pie sta arrivando sugli ASUS ZenFone Max Pro M2 e M1

1
CONDIVISIONI

Un chiarimento doveroso da portare all’attenzione degli utenti riguarda i vari ASUS ZenFone Max Pro (M2), Max Pro (M1) e Max (M2), ed in modo particolare per i primi dei due dispositivi citati. I possessori ricorderanno sicuramente il rimando subito dall’aggiornamento ad Android 9.0 Pie nell’ambito di questo paio di terminali, inizialmente previsto a cavallo tra i mesi di gennaio e febbraio scorso. Sebbene il produttore non abbia fornito spiegazioni ufficiali che potessero giustificare il ritardo accumulato dal rilascio, non è difficile pensare ad una qualche complicazione di fondo, che aveva costretto il team di sviluppo ad un passo indietro per correggere il tiro.

A differenza degli ASUS Zenfone 5 e 5Z, che hanno entrambi ricevuto l’ultima distribuzione Android nei tempi prestabiliti, gli ASUS ZenFone Max Pro (M2) e Max Pro (M1) sono rimasti in una sorta di limbo, almeno fino a questo momento: adesso siamo in grado di informarvi circa la tempistica entro la quale i dispositivi riceveranno la major-release, ovvero non oltre il 15 aprile prossimo (del resto, i dispositivi erano stati raggiunti dalla beta già da qualche settimana in territorio locale).

Il mistero è finalmente svelato, non c’è altro da aggiungere: dopo un periodo di appannamento iniziale, la situazione sembra aver imboccato la strada giusta, quella che da qui al 15 aprile porterà all’avvio del roll-out di Android 9.0 Pie a bordo degli ASUS ZenFone Max Pro (M2) e Max Pro (M1) e Max (M2). Un’attesa durata un po’ più del previsto, ma che alla fine ripagherà gli utenti con dei pacchetti giustamente ottimizzati, e che non dovrebbero comportare alcun tipo di problema all’esperienza di utilizzo quotidiana (molto meglio questo piuttosto che firmware capaci di generare solo un cumulo di disturbi imprecisati). Manca meno di un mese al rilascio: siete abbastanza carichi?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.