Depotenziamento programmato iPhone 7, 6S, 6, SE e 5S da Apple: utenti incosapevoli, il caso

Possibile meccanismo di depotenziamento da parte di Apple su iPhone 7, 6S, 6, SE e 5S, una volta usurata la batteria

27
CONDIVISIONI

Possibile Apple programmi un meccanismo specifico di depotenziamento nell’ambito dei suoi iPhone 7, 6S, 6, SE e 5S non appena il sistema si accorge che la batteria inizia a perdere colpi? Su Reddit diversi utenti, con in allegato diversi screenshot che attesterebbero il tutto.

In pratica, si tratterebbe di una riduzione della frequenza di clock del processore, che si innescherebbe nel momento della rilevazione, da parte del sistema, di una certa usura della batteria (non importi se si tratti di un dispositivo di nuova generazione, quel che farebbe scattare l’input di depotenziamento è il livello di logoramento della batteria).

Lo screen che vi mostriamo a seguire si riferisce ad un esemplare di iPhone 6S, prima e dopo la sostituzione della batteria. Il benchmark Geekbench, in via antecedente, mostra un risultato in single-core di 1466 punti e di 2512 punti in multi-core, score ben lontani dal punteggio medio che un dispositivo del genere dovrebbe riuscire a totalizzare senza fatica (la media è di 2330 e 3984 punti). In seguito alla sostituzione, lo stesso esemplare avrebbe raggiunto quota 2526 e 4456 punti, rispettivamente in single e multi-core.

Un marchingegno che probabilmente i tecnici della mela morsicata avranno messo a punto all’incirca un anno fa, a margine del programma di sostituzione che coinvolse proprio iPhone 6S, relativamente al suo spegnimento improvviso non appena raggiunta una certa percentuale di carica residua. Venne poi rilasciato iOS 10.2.1, che andò a risolvere la questione.

Adesso è possibile ipotizzare che la correzione consistesse proprio in un under-clock del processore A9, depotenziato fino a toccare le quote prestazionali di A8. Il meccanismo resterebbe invariato, a prescindere dal modello in uso, che si tratti di iPhone 7, 6S, 6, SE e 5S.

Va bene aver risolto il problema, ma dubitiamo gli utenti siano contenti di vedere il proprio dispositivo con una potenza di calcolo ridotta a loro insaputa (sarebbe stato preferibile, al contrario, inserire l’opzione all’interno delle impostazioni, in modo fossero i proprietari di iPhone 7, 6S, 6, SE e 5S a decidere per il proprio caso). Siete d’accordo con noi?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.