Spazzato via il OnePlus 3 dal OnePlus 4? Ultimo video concept con specifiche tecniche

Attesa ancora lunga per OnePlus 4, ma consoliamoci con questo video concept

5
CONDIVISIONI

Non è la prima volta che vi segnaliamo video concept relativi al futuro OnePlus 4, senz’altro tra gli smartphone più attesi del 2017, in presentazione probabilmente in piena estate, a cavallo tra giugno e luglio.

Nella riproduzione che vi proponiamo a fine articolo, realizzata da Concept Creator ed opportunamente pubblicato sul relativo canale YouTube, OnePlus 4 si offre in tre graziose varianti cromatiche: Midnight Blac, Pearl White e Candy Red, tutte da gustare (non è affatto detto l’azienda cinese le proponga a propria volta, quindi calma prima di trarre le vostre valutazioni).

Il video concept racconta delle seguenti specifiche che, ad avviso del designer, accompagneranno il OnePlus 4 al momento dell’uscita: processore Snapdragon 835 (cosa plausibile, essendo nel frattempo scaduta l’esclusiva Samsung), con scheda grafica Adreno 540, display da 5.5 pollici QHD (2560 x 1440 pixel), 6 GB di RAM DDR4, opzioni di storage a scelta tra 64 e 128 GB (espandibili fino a 256 GB tramite microSD), doppia fotocamera posteriore da 16 e 12 MP con zoom ottico 3X e videoregistrazione 4K (sensore frontale da 8 MP). Presente una batteria da 4000 mAh ed un doppio speaker.

Non ci dispiacerebbe affatto se il OnePlus 4 presentasse questa scheda tecnica, e nemmeno se ereditasse qualcosa del design illustrato nel video concept (molto sottile tra l’altro, cosa che volevamo farvi notare, e che siamo sicuri non vi sfuggirà nella visione del filmato).

Per il resto, siamo ancora a metà febbraio, non possiamo di certo dirvi di più sul conto di OnePlus 4 (sperando, in ogni caso, mantenga lo standard di prezzo di OnePlus 3, senza andare oltre). Temo proprio l’attesa sarà ancora lunga, anche se nel mentre non mancheremo di riprendere il discorso dovessero esserci indiscrezioni valide da trattare e riportarvi a dovere.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.