OptimaLive: il video di Diego Moreno

9
CONDIVISIONI

Diego Moreno torna a far parlare di sé e della sua musica. Secondo alcuni rumors pare che molto presto tornerà a esibirsi a Napoli, probabilmente prima dell’estate.

L’ultima volta che abbiamo incontrato Diego Moreno era febbraio, durante il suo bellissimo concerto per OptimaLive.

La musica di Diego Moreno racconta la storia di Gardel e del suo amato tango.
Ma qual è la vera storia di Carlos Gardel? OptiMagazine prova a farvene una sintesi.
Gardel, “La Voce del Tango”, “L’usignolo d’Argentina” ha il luogo di nascita conteso tra Francia e Uruguay sul finire del diciannovesimo secolo.
Trascorre l’infanzia e la gioventù a Buenos Aires e frequenta le “pandillas”, bande giovanili di strada, da cui prende un particolare accento “porteňo”.

Da ragazzo abbandona gli studi per seguire la sua vera passione, quella del canto. Frequenta e lavora dietro le quinte dei teatri, conosce cantanti e musicisti, e nel 1913 dà vita a un quartetto insieme a José Razzano, Francisco Martino e Saúl Salinas. Successivamente Salinas e Martino abbandonano il gruppo e Gardel insieme a Razzano danno vita al “Duo Nacional”, che si esibisce nei più celebri teatri della capitale argentina.
Nel 1917, Gardel è protagonista di Flor de durazno, il primo film del cinema argentino. In quello stesso anno inizia la sua relazione con Isabel del Valle.

Dopo numerosi successi e collaborazioni, nel 1925 Razzano lascia il duo per problemi alla gola mentre Gardel continua a cantare e raggiunge mete come Barcellona, Madrid, Londra, Berlino e Parigi. Dal 1929 inizia a girare i suoi primi film sonori. Nel 1933 torna in Sudamerica e nel 1935 all’aeroporto di Medellìn, in Colombia, il suo aereo si scontra in fase di decollo con un altro velivolo. In quell’incidente Carlos Gardel perde la vita insieme ai suoi chitarristi Guillermo Barbieri e Angel Domingo Riverol e al paroliere Alfredo Le Pera. Da quel momento, la sua voce e le sue canzoni diventano una leggenda immortale.

 

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.