OM intervista Giulia Penna per Bacio A Distanza, una canzone spensierata nata in quarantena

Una canzone spensierata e un video ricco di ospiti: Giulia Penna ci racconta Bacio A Distanza

Il nuovo singolo di Giulia Penna è Bacio A Distanza, disponibile in radio e negli store digitali dal 3 luglio.

Ad accompagnare il brano un video ricco di ospiti: Alessio Bernabei, J-Ax, Clementino, Francesco Sarcina, Michele Wad Caporosso, Marco Maccarini, Favij, La Sabri, St3pny, Surry, La Coppia Che Scoppia, Enzo Salvi, Leonardo Bocci, Angelica Massera, Andrea Dianetti, Le Coliche, Nicolò De Devitiis, Veronica Ruggeri, Megghi Galo, Nicole Cereseto, Emma Del Toro, Caterina Cantoni e Simone Berlini.

Giulia Penna è un’artista indipendente che con i suoi precedenti singoli ha già raggiunto importanti risultati, superando oltre 18 milioni di visualizzazioni su YouTube e 1,6 milioni di ascolti su Spotify.

Intervista con Giulia Penna

Come nasce Bacio A Distanza?
Nasce in quarantena ed è un progetto indipendente; è una canzone spensierata che vuole essere un rilascio dopo questo periodo che abbiamo vissuto, un rilancio nel senso di voglia di divertirsi e di stare con le persone che ci sono mancate. Infatti ad un certo punto dice: “Dammi un bacio a distanza che adesso ti vengo a prendere”.

Bacio A Distanza parla di te?
Sì ma non solo! Parla di tutte le persone che in questo periodo sono state a casa e che non sono riuscite a raggiungere i propri cari. Credo che possa appartenere a tutti, la descriverei come una canzone collettiva.

Nel video ci sono tantissimi ospiti. Li conosci tutti personalmente? Come li hai convinti a mettersi in gioco?
Sì, li conosco tutti, sono tutti miei amici. Con J-Ax ho fatto il video Ostia Lido, ad esempio. Volevo fare un video vero, divertente, non troppo sofisticato, che rappresentasse la realtà. Allora mi sono detta: “Perché non proporre a loro una cosa creativa, da casa, una piccola clip attraverso la quale ognuno possa mostrare la voglia di divertirsi?”
Da lì sono nate clip super divertenti: c’è chi nuota sul divano, c’è chi prende un aperitivo a bordo vasca da bagno, c’è chi fa un falò nel giardino di casa come Sarcina, J-Ax che prende il sole in studio.
E’ stato bello perché ognuno ha portato la sua personalità e il suo modo di voler vivere l’estate. Sono tutte persone che stimo e sono contenta di averle avute nel video; è stato un onore, voglio bene a tutti.

C’è stato qualcosa che hai dovuto censurare?
(Ride, ndr) Mi viene da ridere perché anche le mie clip sono state girate in casa e il video è stato girato completamente con l’iPhone. Con questo voglio sottolineare il fatto che basta un’idea per realizzare qualcosa di particolare, senza tecnologie troppo sofisticate.
Il video l’ho girato a casa mia, a Milano – un po’ per il periodo, un po’ per il fatto che proprio non sapevo dove andare. Avrai notato la piscinetta dei bambini: bene, per riempirla un po’ ci sono voluti 50 secchi d’acqua che ho dovuto portare dalla vasca da bagno al tetto… e poi ho dovuto svuotarla! Non ti dico il male alle braccia la sera!

Questo conferma che sei un’artista indipendente al 100%, fai anche questi lavori! C’è invece un personaggio dal quale vorresti essere coinvolta per un suo video?
Mah non ce n’è uno particolare. Stimo veramente tutti e con qualcuno ho già collaborato. Ho partecipato al video di J-Ax, ho fatto una canzone-parodia con Leonardo Bocci, con Le Coliche adesso faremo qualcosa, con Angelica anche. In generale non ce n’è uno in particolare con cui mi piacerebbe collaborare.

Sei un’artista dalle molteplici sfaccettature e la musica è sempre stata una presenza costante nel tuo percorso, hai mai pensato ad un disco?
Quest’anno il mio percorso è un po’ particolare nel senso che c’è un fil rouge nelle copertine dei singoli del 2020 che è il diario. Questo nasce dalla volontà di volermi raccontare. Il pezzo precedente ad esempio racconta una parte più malinconica di me, questo invece racconta la parte più forte, la mia ironia, quella per cui poi mi hanno conosciuta.
Sto facendo un racconto, un libro, un diario; mi piacerebbe il prossimo anno poter raccogliere queste pagine del diario. Se ci sarà l’opportunità perché no, altrimenti sono comunque contenta di aver fatto questa raccolta sul mio Spotify, ché ormai la musica si ascolta su Spotify.

Quali sono i tuoi programmi per il futuro?
In programma c’è sicuramente la volontà di continuare questo racconto con il diario; ho in programma poi di uscire con altro singolo in autunno. La mia parte creator è comunque sempre in continua evoluzione. Poi ci saranno delle novità che per ora non posso dire…

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.