Placido Domingo accusato di molestie sessuali, il tenore ammette e si scusa: “Chiedo perdono per il dolore”

Il noto tenore ammette le accuse di molestie sessuali e chiede perdono promettendo di cambiare

24
CONDIVISIONI

Il tenore Placido Domingo accusato di molestie sessuali ammette le sue colpe ma chiede perdono, impegnandosi a cambiare in maniera positiva. L’artista non si sottrae alla giustizia e conferma tutti i capi d’imputazione, nonostante alcuni colleghi avessero già difeso la sua posizione.

Tra le promesse fatte, anche quella di un cambiamento concreto che potrebbe servire anche ad altri. Il tenore chiede perdono per tutto il dolore comportato e per le ferite inferte alle persone che hanno subìto il suo comportamento imperdonabile.

Le dichiarazioni di Placido Domingo dopo le accuse

“Il mio desiderio è che questo mondo diventi un posto più sicuro dove lavorare, e spero che il mio esempio possa spingere gli altri a seguire i miei passi. Sono veramente dispiaciuto per il dolore che ho causato. Accetto la piena responsabilità delle mie azioni”

Nella nota inviata a Europa Press, agenzia di stampa spagnola, si legge:

“Capisco ora che alcune di quelle donne potessero avere paura di parlare sinceramente perché si preoccupavano per le loro carriere. Il mio desiderio è che questo mondo diventi un posto più sicuro dove lavorare, e spero che il mio esempio possa spingere gli altri a seguire i miei passi”.

Le indagini condotte per accertare le responsabilità di Placido Domingo hanno fatto emergere una condotta sistematica di abusi sessali, ma anche di potere, da parte del celebre tenore. Le autorità hanno sentito 55 persone tra artisti e artiste, 27 delle quali sarebbero risultate vittime degli abusi sessuali poi ammessi da Domingo.

Le testimonianze raccolte raccontano di avvenimenti accaduti quando Placido Domingo ricopriva posizioni di potere presso la Washington National Opera e alla Los Angeles Opera.

Le indagini condotte hanno quindi seguito due filoni, la prima delle quali portata avanti dalla American Guild of Musical Artists, così da intercettare il maggior numero di testimonianze dopo che Placido Domingo era stato accusato di molestie sessuali da parte di alcune artiste che avevano denunciato la sua condotta inappropriata. Nelle denunce, compaiono anche quelle di alcuni testimoni che avrebbero assistito ad alcuni avvenimenti.

Continuano invece le indagini della Los Angeles Opera, della quale Placido Domingo è stato direttore fino all’ottobre scorso, quando ha rassegnato le sue dimissioni a seguito dello scandalo che lo aveva colpito. In questo caso, delle 27 testimonianze dirette e indirette, 12 sono quelle delle persone che si sono dichiarate a conoscenza della reputazione del tenore, che era ben nota tra gli addetti ai lavori.

Tante le accuse che gli sono state mosse, completamente accettate da Domingo che ha dichiarato di volersi assumere la ogni sua responsabilità, tra cui palpeggiamenti, baci sulle labbra e telefonate in cui Domingo chiedeva la presenza di alcune colleghe a casa sua. Alcune artiste hanno inoltre dichiarato di aver avuto una relazione sessuale con Domingo, sentendosi costrette a cedere per la posizione ricoperta dal tenore e per paura di perdere il posto.

Le dichiarazioni di Placido Domingo al momento delle accuse

Il tenore si era anche espresso al momento delle accuse, dichiarando di aver avuto unicamente rapporti consensuali:

“Le accuse di questi individui senza nome risalenti a trent’anni fa sono profondamente preoccupanti e, come presentate, inaccurate. Tuttavia, è doloroso sapere che potrei aver turbato qualcuno o averlo fatto sentire a disagio, non importa quanto tempo fa e nonostante le mie migliori intenzioni. Ho creduto che tutte le mie interazioni e relazioni fossero sempre state accolte e consensuali. Le persone che mi conoscono o che hanno lavorato con me sanno che non sono qualcuno che danneggi, offenda o imbarazzi intenzionalmente qualcun altro”.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.