Il “violento” Clayne Crawford di Lethal Weapon ricomincia da Into the Dark e Hulu

Un padre a caccia di fantasmi, questo sarà il ruolo che ripulirà Clayne Crawford dall'onta dopo quello che è successo sul set di Lethal Weapon?

8
CONDIVISIONI

I fan lo hanno sempre appoggiato e difeso ma il fatto è che Clayne Crawford è agli occhi di tutti il “violento” allontanato dal set di Lethal Weapon proprio per via del suo comportamento esasperante e spesso sopra le righe.

In molti nella storia della diatriba con il suo ex collega di set Damon Wayans hanno preso le parti di quest’ultimo, rimasto come protagonista della serie con il relativo successo, ma ci sono stati i fan di Clayne Crawford che hanno sempre parlato di una versione un po’ troppo di parte nonostante la pubblicazione del famoso video in cui il primo mostrava le ferite che, a suo dire, gli sono state inferte dal collega.

Fatto sta che il capitolo Lethal Weapon è ormai chiuso per Clayne Crawford che adesso lavorerà sodo per lavarsi via di dosso l’etichetta del violento ricominciando proprio da una nuova occasione che si è presentata grazie ad Hulu. Secondo quanto riporta EW, Clayne Crawford sarà il protagonista della spaventosa serie antologica Into the Dark , che è stata presentata in anteprima a ottobre. 

Il suo epiodio, che avrà come tema per la festa del papà, andrà in onda a giugno e vede Clayne Crawford nei panni di un vedovo che fa un viaggio raccapricciante e pieno di fantasmi con le sue figlie. Al momento non ci sono molti dettagli su questa collaborazione e se da una parte l’attore non ha confermato la notizia via social, dall’altra, Hulu non ha risposto alla richiesta di commento di EW.

Per chi non la conoscesse ancora, Into the Dark è stata annunciata come una serie antologica in 12 parti nata dalla collaborazione di Hulu e Blumhouse e che avrà al centro storie indipendenti che andranno in scena il primo venerdì di ogni mese per tutto l’anno. Ogni storia sarà a tema per le vacanze del mese.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.