Guida Resident Evil 7 a tutti gli easter egg della serie: dove trovarli e come riconoscerli

Ecco gli easter egg più importanti che gli sviluppatori hanno inserito come omaggio ai precedenti capitoli.

7
CONDIVISIONI

Resident Evil 7, ormai lo sanno tutti, propone una trama completamente nuova rispetto ai primi 6 capitolo del franchise: gli iconici protagonisti che hanno accompagnato i giocatori nel corso degli anni hanno lasciato posto ad altri personaggi e nuove ambientazioni. L’avventura del giovane Ethan nella casa della famiglia Baker, però, non è priva di riferimenti agli elementi storici che hanno sempre caratterizzato Resident Evil. In questa guida troverete tutti i riferimenti di Resident Evil 7 ai suoi predecessori, o perlomeno quelli più importanti.

Occhio agli spoiler: proseguendo nella lettura, troverete rivelazioni sul finale di Resident Evil 7, precisamente all’ultimo punto.

1. Il libro di O’Brian

Nel soggiorno di casa Baker, quello che affianca la cucina nella quale Ethan si risveglia facendo la conoscenza della famiglia per la prima volta, sono presenti degli scatoloni con dei libri. Uno di questi è “The Unveiled Abyss” di David O’Brian: l’autore non è altro che il direttore della BSAA  (l’Alleanza per la Protezione dal Bioterrorismo), ovvero l’organizzazione per cui lavorano i protagonisti della serie Chris Redfield e Jill Valentine.

2. Gli articoli di Alyssa Ashcroft

Uno dei primi documenti che Ethan potrà trovare nella magione dei Baker è un giornale nel quale figura un articolo scritta da una reporter familiare: Alyssa Ashcroft, una dei protagonisti di Resident Evil: Outbreak: a quanto pare la giornalista ha lasciato Racoon City per interessarsi agli eventi in Louisiana in cui si svolgono le vicende di Resident Evil 7, visto che l’articolo in questione parla di misteriose sparizioni (“Più di 20 persone scomparse in 2 anni”) proprio in quel di Dulvey.

3. Testimonianze dagli anni Novanta

Una foto di casa Baker mostra dove tutto è iniziato? Appesa a un muro, infatti, troverete una fotografia (forse scattata da Jack?) sulla quale c’è scritto “Arklay Mountains, 7 luglio 1991”. La data riporta alcuni anni prima gli eventi di Resident Evil 0 e Resident Evil 1, inoltre i monti citati fanno parte del franchise di film legati a Resident Evil. In Resident Evil 7, dunque, ci sono riferimenti alle origini delle origini del virus?

4. Nel frattempo, a Racoon City…

Nel Relitto troverete n magazine che vi svelerà qual è stato il “destino” degli abitanti di Racoon City nei precedenti capitoli. L’articolo recita: “16 anni dopo l’incubo di Racoon City, i sopravvissuti stanno ancora soffrendo”. Insomma, sembra proprio che il virus non sia stato placato…

 

5. Una vecchia conoscenza

Alla fine dell’avventura, arriverà niente di meno che Chris Redfield in soccorso di Ethan. Chris giungerà con un team della  Umbrella Corps, come dimostra anche l’elicottero che si vede sul finale.

Voi avete trovato altri easter egg in Resident Evil 7? Il gioco è attualmente disponibile per PS4, Xbox One e PC.

 

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.