Ufficiale il Meizu Pro 6S, buone specifiche e prezzo sorprendente

Bene il Meizu Pro 6S: nel complesso sentiamo di promuoverlo, anche se è presto per parlare

10
CONDIVISIONI

Il Meizu Pro 6S è stato presentato poco fa, nella soddisfazione generale, soprattutto per quanto riguarda il prezzo (c’è un aspetto positivo da considerare, di cui a breve vi parleremo).

Ecco le specifiche tecniche: display Super AMOLED da 5.2 pollici FullHD (luminosità massima di 450 nit e minima di 3), processore MediaTek MT6797 Helio X25 deca-core (quattro Cortex A53 da 1.4 GHz, quattro Cortex A53 da 2 GHz e 2 Cortex A72 da 2.5 GHz), 4 GB di RAM LPDDR3, memoria da 64 GB eMMC 5.1 (non espandibile), fotocamera posteriore da 12 MP con pixel da 1,25 micron, (Sony IMX386), apertura f/2.0, PDAF, autofocus laser, stabilizzatore ottico a 4 assi, e frontale da 5 MP (OmniVision 5695) con apertura f/2.0.

Il Meizu Pro 6S ha uno spessore di 7.3 mm ed un peso da 163 gr., con le seguenti connettività: LTE (dual SIM in formato NANO), Wi-Fi (2.4 GHz), Bluetooth 4.1, USB 3.0 Type-C e GPS. La batteria è di 3060 mAh (supporto al Quick Charge), con colorazioni gold, gray, silver, rose pink e carmine red e gestione OS Android 6.0 MarshMallow con Flyme 5.5.

Il Meizu Pro 6S potrà essere acquistato presso il mercato cinese già da domani, al prezzo di 2699 yuan (al cambio attuale circa 360 euro). L’attuale Meizu Pro 6 nel taglio da 64 GB attualmente ci costa 459 euro, quindi aspettiamoci un eventuale arrivo del Meizu Pro 6S intorno ai 450 euro (sempre che ne venga effettivamente predisposta la vendita per il nostro territorio).

Per il resto, bene la fotocamera, anche se la risoluzione risulta inferiore (ne guadagna in modalità di scatto e qualità generale), e la batteria, che sale di 500 mAh senza inficiare sulle dimensioni e sul peso. Lo stesso Helio X25 risulta essere stato migliorato per scaldare meno, nell’ordine di circa 3.5°C. Vi terremo aggiornati circa la disponibilità del Meizu Pro 6S per l’Italia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.