Disfarsi del Samsung Galaxy S5 in favore di S7, 5 motivi irrinunciabili

Dopo due anni di dura battaglia, forse è giunto il momento di pensionare il Samsung Galaxy S5

8
CONDIVISIONI

Sono più di due anni ormai che il Samsung Galaxy S5 vi fa da fido stalliere? Immaginiamo abbiate voglia di cambiare. Probabilmente il salto rispetto al Galaxy S6 non è stata un’esigenza, complice anche l’assenza dello slot per microSD. Tuttavia, il Galaxy S7 potrebbe essere la scelta giusta, proviamo a vedere insieme perché.

1. DESIGN ACCATTIVANTE
Per quanto simpatico, il Samsung Galaxy S5 non è un mostro di eleganza, penso che nessuno avrà problemi ad ammetterlo. Certo, può piacere, ma la back-cover ‘cerottata’ ci è parsa sin da subito un’opzione stilistica alquanto discutibile. Col Galaxy S7 farete un gran salto di qualità: sfoggiare uno smartphone col corpo realizzato in vetro ed alluminio fa un certo effetto, potete crederci.

2. DISPLAY AD ALTA RISOLUZIONE
Ormai è arrivato il momento di abbandonare il FullHD in favore del QHD. Qualcuno dice che la differenza non si nota ad occhio nudo, ma vi possiamo garantire che non c’è paragone: nitidezza, qualità dei dettagli e vivacità dei colori, proprio un altro mondo. Fidatevi e provate, non riuscirete a tornare indietro. Non temete contraccolpi per quanto riguarda la batteria: l’unità da 3000 mAh inclusa nel Galaxy S7 terrà bene il passo.

3. RICARICA COMPLETA IN 100 MINUTI
A differenza del Samsung Galaxy S5, manca la batteria estraibili. Tuttavia, non dovreste avere problemi: il Galaxy S7 sarà sempre carico per via dello speciale sistema di ricarica veloce, da 0 a 100 % in appena 100 minuti.

4. FOTOCAMERA SENZA PARAGONI
Il Samsung Galaxy S5 non regge il passo col Galaxy S7 fotograficamente parlando. Non c’è paragone alcuno, statene certi. Il sensore principale da 12 MP dell’ultimo arrivato promette un’esperienza incredibile, anche in condizioni di scarsa illuminazione. Questo grazie alla tecnologia Dual Pixel (due fotodiodi per ogni pixel), all’apertura f/1.7 ed allo stabilizzatore ottico di immagine.

5. NESSUNA RINUNCIA (O QUASI)
A differenza di quanto sarebbe successo se foste passati al Galaxy S6, il passaggio al Galaxy S7 non vi costerà nessuna rinuncia. MicroSD ed impermeabilità sono garantiti, così come la presenza del cardiofrequenzimetro (fatta eccezione per il sensore infrarossi, che purtroppo manca). Decisamente migliore anche il lettore di impronte digitali, ed utilissima la funzione Always-On, che vi permetterà di avere sempre sott’occhio data, ora e notifiche senza nemmeno prendervi la briga di accendere il display.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.