iOS 8 negato all’iPhone 4: ecco perché

Tempo di resa per chi ha ancora a disposizione un iPhone 4, visto che iOS 8 pare essere estremamente selettivo

7
CONDIVISIONI

Da tempo si vocifera del mancato sbarco dell’aggiornamento iOS 8 a bordo di un dispositivo come l’iPhone 4 e, a tal proposito, le ultime notizie che giungono dalla Rete (grazie anche ad una fonte nota come Gottabemobile) non sono così positive per chi ha scelto di acquistare il device.

Il sito, infatti, tiene a precisare che in questi giorni Apple ha sospeso le vendite dello stesso iPhone 4 in Paesi come l’India ed il Brasile. Se la mossa poteva essere prevedibile negli Stati Uniti subito dopo il lancio sul mercato dell’iPhone 5S, sorprende non poco che l’azienda di Cupertino abbia deciso di fare questo step in una serie di mercati emergenti.

Del resto, il fatto stesso che in occasione dell’uscita sul mercato di iOS 7 il colosso americano abbia deciso di non assicurare il supporto al predecessore, vale a dire l’iPhone 3GS, essendo quest’ultimo diventato ormai obsoleto. Va detto, come accennato, che i principali esperti del settore hanno dato per scontato da tempo che Apple potesse muoversi in questa direzione, ma la scelta commerciale del produttore a questo punto sembra lasciare pochissimo spazio ai dubbi sotto questo particolare punto di vista.

Altro aspetto da tenere in considerazione, poi, è che l’iPhone 4, pur essendo compatibile con l’aggiornamento iOS 7, non consente agli utenti di sfruttare alcune delle sue funzionalità, come nel caso di AirPlay, Siri e delle foto “panoramiche”.

Insomma, meglio non farsi illusioni sul possibile colpo di coda dell’iPhone 4, visto che Apple sembra aver già preso una decisione definitiva sotto questo punto di vista. Non resta che attendere la prima settimana di giugno, quando scopriremo tutti i dettagli (o quasi) sull’aggiornamento del sistema operativo iOS 8, almeno secondo quanto riportato dagli addetti ai lavori di recente.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.