Il dramma di Francesco Facchinetti, aggredito per strada: “Mi hanno chiamato figlio di pu***”

Francesco Facchinetti, aggredito da un hater per strada, si sfoga sui social

Francesco Facchinetti è stato aggredito mentre era fermo al semaforo. Lo ha raccontato sui social. L’ex dj, ora manager, è stato aggredito verbalmente da un hater mentre si trovava in strada.

Un uomo di circa 50 anni lo ha affiancato con la sua auto, ha abbassato il finestrino, ha sputato a terra e lo ha insultato dicendogli: “Figlio di pu***a, muori”.

“Lo sapete che sono fumantino, le mamme non si toccano”, ha commentato Francesco Facchinetti su Instagram, scosso e amareggiato per quanto successo.

Avrebbe reagito in malo modo se non fosse intervenuto un amico, con lui in macchina. L’occasione è adatta però per tornare su un tema caro a Francesco Facchinetti: i pregiudizi di cui è vittima di continuo.

Figlio di Roby Facchinetti dei Pooh, Francesco Facchinetti è sempre stato visto come il “raccomandato” di turno pur avendo invece compiuto un suo percorso, discostandosi di molto da quello di suo padre.

Se è vero che ha mosso i primi passi come cantante, con lo pseudonimo di Dj Francesco, Facchinetti ha poi preso una strada diversa concentrandosi sulla gestione dei talent e sul management di cantanti e influencer.

“Chi invidia è mediocre. Io torno alla mia bella famiglia, tu invece torni a casa incazzato con la tua auto di merda”, è stato il commento a caldo di Francesco Facchinetti in risposta agli insulti dell’uomo.

Sui social, poi, ha raccontato:

“Mi dicono ‘Figlio di papà’ da quando sono nato. Prima o poi si stancheranno”, è il suo sfogo nei confronti di chi continua a vederlo, ancora oggi dopo decenni, sempre e solo come il figlio d’arte con la strada spianata.

Una giornata da dimenticare, dunque, per Francesco Facchinetti, vittima di un’aggressione ingiustificata mentre provava a godersi il relax estivo.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.